Le co-occorrenze rappresentano le parole contenute in una frase, in un paragrafo, in un documento o in un insieme di documenti. Sono combinazioni di termini che, senza le parole comuni e le stop word, permettono di capire di quale argomento si sta parlando. Tale processo di comprensione è simile a quello del search engine semantico che, però, non ha ancora la capacità di leggere ed interpretare il significato delle parole leggendo le stesse in sequenza. Però può comprenderlo in maniera approssimativa facendo una analisi delle associazioni di parole.

Per esempio, si è appena parlato con termini altamente specifici quali search engine, semantica e SEO: in questo caso, tali parole rappresentano le co-occorrenze di questo documento. Le altre parole che, invece, sono quelle di uso comune, per esempio verbi o articoli, e possono tranquillamente essere trascurate rappresentano le stop word. Per capire il tema o l'argomento, il search engine, mette a confronto le co-occorrenze specifiche contenute nel testo con le combinazioni di parole nei diversi campi della propria base di conoscenza. Nel momento in cui questa comparazione risulta esatta o anche molto simile, allora, l'algoritmo associa il testo al campo semantico, ovvero l’argomento. Ritornando al caso di questo documento, l’argomento o il campo semantico con le parole specifiche simili risulta essere quello che riguarda la seo semantica.

La comprensione associativa non avviene senza co-occorrenze

Le co-occorrenze, quindi, si trovano alla base della comprensione associativa. Il significato di ogni parola, infatti, non viene interpretato dall’algoritmo ma, esso, si limita a intuite l'argomento generale mediante l’analisi delle relazioni fra le parole di un documento e le confronta con quelle del database di riferimento, la base di conoscenza. Per questo motivo, l'algoritmo che analizza le co-occorrenze non viene classificato fra gli algoritmi più avanzati di intelligenza artificiale né di lettura semantica automatica del testo. Anzi, è solo una semplicissima euristica della linguistica, praticamente meccanica, per capire velocemente l'argomento del testo, privo dell’approfondimento vero e proprio del significato dei testi. Infatti ai termini della frase non viene attribuito alcun particolare significato ma il testo viene diviso semplicemente in gruppi di parole che ne valutano il significato complessivo o, meglio, l'argomento di cui tratta.

In sostanza, diciamo che l’analisi delle co-occorrenze permette di trovare le parole e le frasi più rilevanti attorno ad un significato.

La ricerca semantica: cos’è e come funziona

Invece, la ricerca semantica, detta anche semantic search, rappresenta un altro metodo per trovare le informazioni in un database. Essa, non utilizza però solo le parole chiave ma analizza anche la semantica per approfondire il significato delle parole.

Quindi, nel momento in cui un utente digita la query dà al search engine delle parole chiave in combinazione; il motore di ricerca va ad analizzare il campo semantico di ogni parola tentando di individuare anche tutte le altre parole che sono pertinenti con quei termini. In questo modo, il motore di ricerca comprende la differenza di due parole simili fra loro ed acquisisce anche i sinonimi. Tale processo prende il nome di espansione del campo semantico.

In questo processo, il motore di ricerca usa una base di conoscenza, cioè un database in cui si trovano tutte le parole e le relazioni delle parole ed anche le entità, cioè i concetti. Quindi, il search engine capisce quando due query hanno gli stessi concetti pur essendo diverse e va a sostituire le query iniziali anche con le query espanse andando così a selezionare tutte quelle risorse che restituiscono una coincidenza col campo semantico espanso della prima query.

Abbiamo dunque capito che scrivere "come realizzare" o "come fare" ci metterà davanti agli stessi risultati o, comunque a pagine di risultati molto simili fra loro. In certi casi potremmo avere persino delle risorse che non hanno al loro interno le keyword usate nella query, bensì altri termini più pertinenti.

La selezione delle ricerche diventa così molto ampia ed è più facile trovare risultati di qualità ed evitare gli spam.

Attenzione allo spam!

SPAM e phishing sono presenti in quantità sempre più insistenti durante una normale navigazione e tutto ormai sembra incentrato sulla grande corsa per il ricatto. La polizia postale ne è ben al corrente, ormai in circolazione c’è una mole non indifferente di messaggi di posta elettronica con l’obiettivo di estorsione: gli utenti ricevono una mail che comunica loro che il proprio account di posta elettronica è stato hackerato mentre venivano visitati siti per adulti. Il messaggio contiene una vera minaccia, quella di divulgazione con il conseguente versamento in criptovaluta. Per scovare gli impostori, una delle prime attività da compiere è quella di verificare attentamente il mittente dell’email, estorcendone i dettagli del messaggio ricevuto e quale sia il reale indirizzo da cui proviene e se può più o meno considerarsi affidabile. Purtroppo il controllo non risulta infallibile, perché hacker e cattive persone facilmente riescono a mascherare il proprio indirizzo mediante l’ “email spoofing”, cioè una pratica che consente di impostare un indirizzo ufficiale come nome del mittente.

L’inganno è in agguato. Di particolar eimportanza è che voi non scarichiate degli allegati di mail di cui non siete strettamente sicuri, anche per file semplici come un .pdf o .doc, i quali possono spesso essere ponti di malware o di altri file eseguibili, capaci di installare virus o backdoor sui vostri dispositivi. Guardate con attenzione anche gli URL, ovvero l’effettivo indirizzo del sito visualizzato nella stringa del browser, che nella maggior parte dei casi invitano l’utente a rilasciare dati e informazioni strettamente personali, i famosi “dati sensibili”il link malevolo potrebbe essere somigliare ad uno veritiero, ma potrebbe anche presentare un’estensione di dominio anormale, qualche lettera di troppo nel nome, una connessione visualizzata come “non sicura” dal browser e in “http” invece che nel protocollo “https” (quello con il lucchetto).

Di grande importanza è che alcune organizzazioni, come le banche, non ci scrivono via e-mail per chiederci di aggiornare qualsivoglia dato, loro hanno già quello che serve. Anche i sociale sono fonte di inganno e spesso, oltre che tramite mail, il phishing passa anche dai social network, con la mera violazione degli account che diventano a loro volte delle strade per infettare tutto. Ricorda: mai cliccare o rilanciare catene o link dubbi che arrivino nella messaggistica o in cui si venga taggati. La sicurezza informatica è di estrema importanza, cerca di usare sempre correttamente la navigazione su internet non intaccando in qualche scoglio che potrebbe costarti l’identità.

Pin It

Potrebbe interessarti anche...

Quali sono le dimensioni per scrivere un post su Facebook

Facebook è il più noto social media, nasce come luogo di incontro virtuale e proprio perché è una potenziale, gigantesca piazza di incontro è anche un gigantesco luogo dove farsi notare e fare pubblicità; tuttavia, finché la piazza è piccola e le insegne pubblicitarie poche e ad effetto, è facile attirare l’attenzione, ma quando la piazza diventa grande e dispersiva, non vi sono insegne che siano capaci di attirare l’attenzione nella giungla delle luci e delle frasi a effetto.

Leggi tutto...

Le migliori affiliazioni per il tuo blog

soldi.jpg

L’ideale di guadagnare attraverso il proprio blog, scrivendo di cose che ci appassionano e di cui si ritiene di avere una certa competenza è per molti, effettivamente, una possibilità di guadagno; le tipologie di lavoro con internet in remoto e per conto proprio sono molte, e spesso si sente parlare di guadagni attraverso le affiliazioni e i blog, ma come funziona? 

Leggi tutto...

Come monetizzare con il tuo blog

monetizzare.jpg

Guadagnare con internet si può? E soprattutto come si fa? Come si può trasformare in denaro una passione, come la scrittura su un blog? Il mondo di internet offre molte opportunità al punto tale che scrivere per i blog si può tradurre in un vero e proprio lavoro che non paga se non vi si dedica il tempo necessario proprio come per un qualsiasi lavoro fulltime.

Leggi tutto...

Contatti

Sede: Via Luigi Gadola 3, 00155 Roma
Email: info@elamedia.it
Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure.  

Scrivici

  

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità:

       Via Luigi Gadola 3
00155 Roma

Email: info@elamedia.it

Partita IVA: 12238581008 

Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure


In alternativa puoi utilizzare il form che trovi 
in Home per comunicare con la nostra Web Agency 

GDPR e Cookie Privacy. Questo sito utilizza solo Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento). La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies verrà interpretata come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal sito stesso.