Le co-occorrenze rappresentano le parole contenute in una frase, in un paragrafo, in un documento o in un insieme di documenti. Sono combinazioni di termini che, senza le parole comuni e le stop word, permettono di capire di quale argomento si sta parlando. Tale processo di comprensione è simile a quello del search engine semantico che, però, non ha ancora la capacità di leggere ed interpretare il significato delle parole leggendo le stesse in sequenza. Però può comprenderlo in maniera approssimativa facendo una analisi delle associazioni di parole.

Per esempio, si è appena parlato con termini altamente specifici quali search engine, semantica e SEO: in questo caso, tali parole rappresentano le co-occorrenze di questo documento. Le altre parole che, invece, sono quelle di uso comune, per esempio verbi o articoli, e possono tranquillamente essere trascurate rappresentano le stop word. Per capire il tema o l'argomento, il search engine, mette a confronto le co-occorrenze specifiche contenute nel testo con le combinazioni di parole nei diversi campi della propria base di conoscenza. Nel momento in cui questa comparazione risulta esatta o anche molto simile, allora, l'algoritmo associa il testo al campo semantico, ovvero l’argomento. Ritornando al caso di questo documento, l’argomento o il campo semantico con le parole specifiche simili risulta essere quello che riguarda la seo semantica.

La comprensione associativa non avviene senza co-occorrenze

Le co-occorrenze, quindi, si trovano alla base della comprensione associativa. Il significato di ogni parola, infatti, non viene interpretato dall’algoritmo ma, esso, si limita a intuite l'argomento generale mediante l’analisi delle relazioni fra le parole di un documento e le confronta con quelle del database di riferimento, la base di conoscenza. Per questo motivo, l'algoritmo che analizza le co-occorrenze non viene classificato fra gli algoritmi più avanzati di intelligenza artificiale né di lettura semantica automatica del testo. Anzi, è solo una semplicissima euristica della linguistica, praticamente meccanica, per capire velocemente l'argomento del testo, privo dell’approfondimento vero e proprio del significato dei testi. Infatti ai termini della frase non viene attribuito alcun particolare significato ma il testo viene diviso semplicemente in gruppi di parole che ne valutano il significato complessivo o, meglio, l'argomento di cui tratta.

In sostanza, diciamo che l’analisi delle co-occorrenze permette di trovare le parole e le frasi più rilevanti attorno ad un significato.

La ricerca semantica: cos’è e come funziona

Invece, la ricerca semantica, detta anche semantic search, rappresenta un altro metodo per trovare le informazioni in un database. Essa, non utilizza però solo le parole chiave ma analizza anche la semantica per approfondire il significato delle parole.

Quindi, nel momento in cui un utente digita la query dà al search engine delle parole chiave in combinazione; il motore di ricerca va ad analizzare il campo semantico di ogni parola tentando di individuare anche tutte le altre parole che sono pertinenti con quei termini. In questo modo, il motore di ricerca comprende la differenza di due parole simili fra loro ed acquisisce anche i sinonimi. Tale processo prende il nome di espansione del campo semantico.

In questo processo, il motore di ricerca usa una base di conoscenza, cioè un database in cui si trovano tutte le parole e le relazioni delle parole ed anche le entità, cioè i concetti. Quindi, il search engine capisce quando due query hanno gli stessi concetti pur essendo diverse e va a sostituire le query iniziali anche con le query espanse andando così a selezionare tutte quelle risorse che restituiscono una coincidenza col campo semantico espanso della prima query.

Abbiamo dunque capito che scrivere "come realizzare" o "come fare" ci metterà davanti agli stessi risultati o, comunque a pagine di risultati molto simili fra loro. In certi casi potremmo avere persino delle risorse che non hanno al loro interno le keyword usate nella query, bensì altri termini più pertinenti.

La selezione delle ricerche diventa così molto ampia ed è più facile trovare risultati di qualità ed evitare gli spam.

Attenzione allo spam!

SPAM e phishing sono presenti in quantità sempre più insistenti durante una normale navigazione e tutto ormai sembra incentrato sulla grande corsa per il ricatto. La polizia postale ne è ben al corrente, ormai in circolazione c’è una mole non indifferente di messaggi di posta elettronica con l’obiettivo di estorsione: gli utenti ricevono una mail che comunica loro che il proprio account di posta elettronica è stato hackerato mentre venivano visitati siti per adulti. Il messaggio contiene una vera minaccia, quella di divulgazione con il conseguente versamento in criptovaluta. Per scovare gli impostori, una delle prime attività da compiere è quella di verificare attentamente il mittente dell’email, estorcendone i dettagli del messaggio ricevuto e quale sia il reale indirizzo da cui proviene e se può più o meno considerarsi affidabile. Purtroppo il controllo non risulta infallibile, perché hacker e cattive persone facilmente riescono a mascherare il proprio indirizzo mediante l’ “email spoofing”, cioè una pratica che consente di impostare un indirizzo ufficiale come nome del mittente.

L’inganno è in agguato. Di particolar eimportanza è che voi non scarichiate degli allegati di mail di cui non siete strettamente sicuri, anche per file semplici come un .pdf o .doc, i quali possono spesso essere ponti di malware o di altri file eseguibili, capaci di installare virus o backdoor sui vostri dispositivi. Guardate con attenzione anche gli URL, ovvero l’effettivo indirizzo del sito visualizzato nella stringa del browser, che nella maggior parte dei casi invitano l’utente a rilasciare dati e informazioni strettamente personali, i famosi “dati sensibili”il link malevolo potrebbe essere somigliare ad uno veritiero, ma potrebbe anche presentare un’estensione di dominio anormale, qualche lettera di troppo nel nome, una connessione visualizzata come “non sicura” dal browser e in “http” invece che nel protocollo “https” (quello con il lucchetto).

Di grande importanza è che alcune organizzazioni, come le banche, non ci scrivono via e-mail per chiederci di aggiornare qualsivoglia dato, loro hanno già quello che serve. Anche i sociale sono fonte di inganno e spesso, oltre che tramite mail, il phishing passa anche dai social network, con la mera violazione degli account che diventano a loro volte delle strade per infettare tutto. Ricorda: mai cliccare o rilanciare catene o link dubbi che arrivino nella messaggistica o in cui si venga taggati. La sicurezza informatica è di estrema importanza, cerca di usare sempre correttamente la navigazione su internet non intaccando in qualche scoglio che potrebbe costarti l’identità.

La correlazione

Accanto alla semantica e alle co-occorrenze si trovano, senza ombra di dubbio, le correlazioni.
La scrittura di un testo SEO oriented non deve basarsi solo sugli argomenti che sono immediatamente trattati dal testo stesso, ma è importante che si spazi utilizzando la correlazione.
In generale, la correlazione indica la presenza di una relazione di tipo semantico strutturale tra argomenti tra loro diversi.
L'argomento preso in considerazione quindi, avrà sicuramente delle caratteristiche in comune rispetto all'argomento principale in maniera tale da non allontanarsi troppo dallo stesso.
Trovare un argomento correlato, infatti, può non essere semplice, ma riuscirà a farlo aiuta a creare un contenuto sia divulgativo che particolarmente interessante.
Per capire meglio che cosa si intenda per correlazione quando si sta trattando un determinato argomento, ecco per voi un esempio sul make up.
Il vostro articolo, sicuramente, farà maggior riferimento al trucco, ma affinché funzioni occorre che vi siano campi correlati.
In questo esempio specifico, oltre al make up in generale, è possibile parlare di:

  • Bellezza
  • cura della pelle e del corpo
  • cosmetici naturali e non
  • benessere
  • autostima e il rapporto con gli altri

In questo caso, è possibile notare come la correlazione può risultare facilmente intuibile e quindi in questo caso fa riferimento alla bellezza e ai cosmetici, ma può anche essere più sottile facendo riferimenti in questo caso a concetti psicologici come quello dell'autostima e delle relazioni sociali.
 A volte, quindi, la correlazione tra diversi argomenti può non essere così scontata e di conseguenza può risultare utile affidarsi a degli strumenti per la correlazione.
Tra questi strumenti, si trova sicuramente Google AdWords, basta infatti inserire alcune parole chiave, di cui abbiamo già parlato, per ottenere un elenco di termini correlati che ti porteranno a ragionare su argomenti e campi diversi, l'importante e riuscire ad individuare quelli più sensati.
In conclusione, ogni volta che dovrai creare un nuovo contenuto, il consiglio è quello di effettuare una mappatura per identificare gli argomenti correlati e poi per poter cercare le co-occorrenze come abbiamo già spiegato ed infine, ricorda sempre di utilizzare un linguaggio alla portata di tutti ed in questo modo avrai successo.

Dal Blog
Variare l’Anchor Text nelle campagne di Link Building

Chi lavora come esperto SEO professionista non può non sapere bene quanto è importante avviare una campagna di link building che sia efficace e curata con attenzione per riuscire a posizionare in maniera eccellente un sito Web all’interno dei risultati delle ricerche di Google. In questo ambito, una delle cose più importanti che si devono assolutamente conoscere e saper fare bene è come variare l’anchor text nelle campagne di link building. Prima di dedicarci a questa spiegazione, però, è bene chiarire definitivamente che cos’è un anchor text.

Guida CSS: tutto quello di cui hai bisogno

L'idea che sta alla base dei fogli di stile Css è molto semplice: invece di formattare ogni post singolarmente, non sarebbe più pratico creare una lista di istruzioni unica che si applichi automaticamente a tutti i contenuti? Per creare un foglio di stile Css occorre innanzitutto un editor. È sufficiente il notepad di Windows, ma sono disponibili on line diversi editor specializzati che facilitano di molto il lavoro.

Come creare una pagina su Wikipedia: segui la nostra guida

Accade spesso di aver bisogno di un’informazione che non si ricorda o che non si è mai saputa. Spesso, soprattutto per quanto riguarda le nuove generazioni, la soluzione viene cercata sull’infinito mondo dell’Internet. Esistono varie fonti da cui reperire informazioni, la maggior parte delle quali specializzata in determinati argomenti, alcune affidabili e autorevoli, altre molto meno. Esiste, inoltre, un progetto dell’Internet chiamato Wikipedia.

Google page speed insight: misurare la velocità di un sito in ottica SEO

La velocità di caricamento di un sito – indipendentemente dal dispositivo che si utilizza (PC, smartphone, tablet) – è uno degli indici più rivelatori dell’apprezzamento di un utente in navigazione; sebbene sia dato quasi per scontato, progettare in modo intelligente il proprio sito affinché non si blocchi o non mostri rallentamenti nel caricamento delle pagine e dei contenuti multimediali può essere la carta vincente per far emergere il proprio business, oltre ad essere un ottimo indice di ottimizzazione. Esistono tools, strumenti in grado di misurare la velocità di caricamento di una pagina web e di indicare cosa correggere per ovviare al problema. Uno di questi strumenti è Google Page Speed Insight.

Guida all'utilizzo di Copyscape: scopri se qualcuno ti copia

La prima grande tentazione scolastica che è allo stesso tempo il risultato peggiore che si prende a scuola – oltre alla figuraccia di essere stati scoperti – è quella di copiare il compito del compagno di banco: per svogliatezza, mancanza di idee o creatività può capitare di “copiare” nella vita, salvo poi essere “puniti” per questa appropriazione, plagio o scopiazzatura indebiti, una volta scoperti.

Strumenti per le parole chiave: come funzionano e come utilizzarli?

Quando si scrive un pezzo per il web, il cui contenuto non è di natura artistica o letteraria, bensì tecnica, ovvero deve servire da informazione o da guida per gli utenti, è opportuno utilizzare degli strumenti adeguati per poterlo indicizzare nei motori di ricerca.

Vieni a trovarci

Contattaci

 

Formula di acquisizione del consenso dell'interessato

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie)