Fare Link Building significa mettere in atto una strategia diretta a costruire, per il proprio sito, una solida reputazione online. Per farlo, ci sono molte fasi da seguire, ma una fra le cose più importanti è quella di crearsi instaurare delle relazioni con una rete di partner mediante i quali ottenere un discreto numero di link di buona qualità.

Infatti è risaputo che quando si collabora attivamente ad un progetto con altre persone si entra facilmente in contatto con un network fatto da professionisti tramite i quali si riesce a rendere concreta l’autorevolezza del proprio sito e ottenere dei link che rimandano al proprio profilo. Quindi, se trovate un progetto che desta il vostro interesse, imponetevi di dedicargli del tempo e date il vostro contributo perché questo sarà l’inizio di una partnership che, qualora venga gestita correttamente, vi restituirà un buon ritorno di immagine e un conseguente aumento dei backlink verso il vostro sito web.

Di conseguenza,  con un pò di pazienza e del tempo, è possibile consolidare un sito e la sua posizione sulla rete attraverso una serie di piccoli accorgimenti, tra cui appunto la creazione di un network collaborativo di professionisti, che possano fornire autorevolezza e prestigio al proprio sito online appunto. Le relazioni con questi partner del web, poi, permetterà di conoscere ulteriori soggetti o collegamenti interessanti (come una sorta di effetto domino), che magari potranno fornire a loro volta una nuova spinta al progetto che si sta portando avanti.  

Come trovare dei Partner

Se vi state chiedendo come trovare partner per la Link Building adatti a voi, sappiate che solitamente le partnership migliori sono condotte da coloro che vendono dei prodotti oppure dei servizi che non siano in competizione, bensì complementari, ai vostri. Provate a sfruttare un rapporto con queste tipologie di aziende per la vostra Link Building. Collegandovi a loro, anch’esse faranno lo stesso e si creerà, per la felicità di entrambi, un ritorno di backlink di buona qualità. Un’altra ottima opportunità è data dal guest Blogging e l’utilizzo dei contenuti esterni. Questo è molto probabilmente il metodo più efficace per generare una serie di link di qualità verso il vostro sito web.

Il guest post consiste nel pubblicare un articolo – non sul proprio sito o blog, ma su quello di un altro bloggere, magari già autorevole o “famoso”. Il blogger autorevole concede all’autore di un post di inserire un link di collegamento al proprio sito web. I benefici sono reciproci.

Ovviamente, richiede la creazione di un contenuto ma, i risultati, oltre ad essere efficaci sono anche duraturi. Sicuramente voi stavate lottando per avere nel vostro blog nuovi contenuti di valore e l’opportunità che vi abbiamo appena illustrato è da cogliere al volo, infatti, mentre voi pubblicate un guest post redatto da un blogger che conosce bene il vostro settore, lui ottiene dei contenuti il minimo sforzo. Inoltre, cosa non da poco, voi come collaboratori avrete il totale controllo delle URL e delle anchor text per le quali desiderate posizionarvi.

Un’altra strategia efficace di link building è legata alle info-grafiche, degli ottimi strumenti di marketing in grado di riassumere in forma grafica e immagini le informazioni che si desidera convogliare. Lo scopo è quello di rendere i contenuti più facili da leggere e piacevoli da vedere. È fondamentale ai fini della link building poter permettere la condivisione sul web delle info-grafiche, per cui è necessario inserire o creare un codice embed in html; ciò permetterà automaticamente a chi condivide le info-grafiche di regalarvi un back link ottimizzato in ottica SEO e in modo spontaneo e naturale. È altresì consigliabile inserire almeno 3 codici per info-grafiche di dimensioni diverse (piccole – medie – grandi), in modo da facilitare l’adattamento a qualsiasi layout, anche in versione mobile.

Comunque,  bisognerà davvero impegnarsi ed avere molta pazienza per riuscire a trovare dei partner collaborativi e realizzare del guest blogging. Infatti, per quanto riguarda i primi, si dovranno trovare soggetti che possano condividere il progetto ed avere lo stesso bisogno di realizzare del buono ed efficace Link Building. Per quanto riguarda invece il guest blogging, si ha necessità innanzitutto di trovare dei blogger capaci e soprattutto competenti che, ciascuno nel proprio settore di pertinenza, possano offrire contenuti all'altezza ed interessanti.

E tale collaborazione, se fatta bene e tra soggetti abili, non potrà che aiutare sia il sito che il blogger stesso. Infatti, il sito vedrà una crescita della propria autorevolezza, un maggior traffico web e, di conseguenza,  un migliore posizionamento nelle pagine di Google. E tutto ciò non farà altro che spingere ulteriormente la visibilità, con tutti i vantaggi che ne conseguono. Il blogger, dal canto suo, potrà crearsi anche una certa fama, ottenere anch'egli maggiore visibilità e, inoltre, proporsi ad un pubblico più vasto e diversificato. Di conseguenza, si avrà alla fine una collaborazione utile e proficua per ambedue le parti.

La potenza delle directory

Probabilmente non lo sapete ma sul web si trovano dei siti che contengono elenchi di altri siti. Si tratta, sostanzialmente di una serie di directory che si rivelano particolarmente utili per entrare in possesso di un elenco completo di tutti siti di riferimento per un determinato argomento. A questo proposito ve ne sono di ogni tipologia; da quelle più generaliste a quelle super specializzate e dirette ad un particolare settore di mercato. Ogni directory consente di inserire l’indirizzo del proprio sito correlato da una piccola descrizione e varie informazioni relative alla vostra azienda. Questo sistema, però, ha anche un’altra utilità, infatti, potendo consultare i suddetti elenchi, potrete scoprire altri siti in qualche modo correlati al vostro che potrete contattare per inserirli nella vostra lista di partner per la Link Building così come, potrebbe capitarvi di essere contattati da altri blogger che condividono lo stesso scopo.

Come si può notare, tutto questo, alla fine, è una sorta di circuito che si autoalimenta. Infatti, ci si accorgerà col tempo che numerose persone o soggetti sono impegnati nella creazione di una buona Link Bulding e che sono alla ricerca di partner o comunque collaborazioni per rendere maggiormente attivi i propri siti, incrementarne l'autorevolezza e pubblicizzarne i contenuti. E l'inserimento del proprio, all'interno di questa directory o sorta di lista, è un ottimo metodo per raggiungere gli obiettivi che ci si è prefissati, s

ebbene non sia in assoluto il migliore; infatti l’uso dei portali tematici ha senso se questi hanno un certo valore e una certa autorità, altrimenti si rischia di inserire contenuti – anche di qualità – ma in contenitori sterili e visitati da pochi utenti con una valore SEO inferiore sia al guest post che all’info-grafica. Allo stesso modo una directory diventa uno strumento valido e potente se permette di inserire link “nofollow”.

Diamo una rapida e semplice spiegazione dell’attributo nofollow e dofollow. Per attributo “nofollow” di un link si intende un tag html che si inserisce all’interno del codice di un link e che serve a comunicare ai motori di ricerca come Google, Bing, Yahoo! e altri di non seguire quel determinato link ed è spesso utilizzato di default., per esempio, all’interno di commenti agli articoli dei blog e per evitare che spammer o gli stessi utenti inseriscano link al proprio sito o blog non pertinenti e non coerenti con l’articolo.

L’attributo “dofollow”, invece, è il contrario, da’ l’opportunità ai motori di ricerca di individuare quel link ovunque. Sebbene, in ottica SEO, l’attributo “dofollow” contribuisce e migliorare la propria posizione nella SERP, in realtà è un modo innaturale e forzato per ottenere visibilità e credibilità, per cui in una strategia di link building è corretto ottenere tanto un buon numero di link dofollow quanto link no follow in grado di generare un traffico più naturale e riconosciuto dagli stessi motori di ricerca.

I siti preferiti

È, infine, possibile ricorrere ad un’altra alternativa, cioè quella di catalogare i vostri siti preferiti che siano, ovviamente, attinenti al vostro e con contenuti analoghi a quelli trattati nel vostro sito/blog e contattare direttamente i loro webmaster per chiedergli se per loro è possibile inserire, in un testo, un link che, cliccandoci sopra, rimandi al vostro sito o al vostro blog.

Ricordate però che per posizionare il vostro sito web non bastano soltanto i link, infatti, essi portano beneficio al sito ma non sempre aiutano a posizionare per quella particolare parola chiave che desideravamo. In questo caso, nella struttura stessa del link dovrebbe essere presente l’Anchor Text mentre per i link spontanei, cioè quelli generati per esempio grazie ad un guest post di buona qualità, è più difficoltoso controllare l’anchor text inserito da chi condivide l’articolo, quindi, cercate di inserire la keyword direttamente nella url della pagina.

Un esempio? Se volete posizionarvi con un link che rimanda ad un mobilificio di Roma utilizzando come keyword “vendita mobili” dovete collegare il link del mobilificio alle parole chiavi “vendita mobili a Roma”. Affinché la strategia di link building funzioni è necessario cambiare l’anchor text periodicamente o dopo un certo numero di link realizzati.

È possibile monitorare i back link in entrata e in uscita?

Esistono numerosi strumenti web – alcuni a pagamento, altri gratuiti - che permettono di monitorare la qualità dei link in ingresso. Per capire se un link in ingresso sta portando valore al proprio sito occorre verificare le seguenti condizioni:

  • La posizione: il link deve trovarsi in una posizione pertinente e inserito nel contesto giusto.
  • Il numero di link in uscita dalla pagina linkante: se il back link del vostro sito è l’unico presente nella pagina che ha creato un collegamento alla vostra, il link potrebbe essere di valore e utile per aumentare il traffico. Qualora, la pagina linkante presenta altri link ad altri siti, è bene verificare che si tratti di siti pertinenti, coerenti al contenuto sia del sito linkante che del proprio e che non si tratti di spam.
  • Il profilo back link della pagina linkante: se la pagina che sta linkando il vostro sito riceve a sua volta molti link in ingresso, potrebbe essere un sito potenzialmente autorevole e contribuire ad accrescere anche i vostri benefici SEO.
  • La tipologia di anchor text: un testo di ancoraggio sovra ottimizzato può essere potenzialmente nocivo in ottica SEO, per cui vale la pena capire se le parole chiavi utilizzate siano ben bilanciate e correttamente contestualizzate.

Cosa fare se un link in ingresso risulta nocivo per il posizionamento del proprio sito web. Google mette a disposizione degli utenti lo strumento di rifiuto dei back link con il quale è possibile rimuovere i link indesiderati dal proprio sito web e consiste nell’inviare tramite l’apposita piattaforma, un file in formato .txt con l’elenco dei collegamenti indesiderati. La procedura è semplice, ma bisogna essere sicuri che si tratti realmente di back link di scarsa qualità o irrispettosi delle regole dei motori di ricerca.

Insomma fare Link Building e trovare partner non è certo facile ma riboccandovi le maniche riuscirete a portare il vostro sito fra le prime posizioni!

Pin It

Potrebbe interessarti anche...

Quali sono le dimensioni per scrivere un post su Facebook

Facebook è il più noto social media, nasce come luogo di incontro virtuale e proprio perché è una potenziale, gigantesca piazza di incontro è anche un gigantesco luogo dove farsi notare e fare pubblicità; tuttavia, finché la piazza è piccola e le insegne pubblicitarie poche e ad effetto, è facile attirare l’attenzione, ma quando la piazza diventa grande e dispersiva, non vi sono insegne che siano capaci di attirare l’attenzione nella giungla delle luci e delle frasi a effetto.

Leggi tutto...

Le migliori affiliazioni per il tuo blog

soldi.jpg

L’ideale di guadagnare attraverso il proprio blog, scrivendo di cose che ci appassionano e di cui si ritiene di avere una certa competenza è per molti, effettivamente, una possibilità di guadagno; le tipologie di lavoro con internet in remoto e per conto proprio sono molte, e spesso si sente parlare di guadagni attraverso le affiliazioni e i blog, ma come funziona? 

Leggi tutto...

Come monetizzare con il tuo blog

monetizzare.jpg

Guadagnare con internet si può? E soprattutto come si fa? Come si può trasformare in denaro una passione, come la scrittura su un blog? Il mondo di internet offre molte opportunità al punto tale che scrivere per i blog si può tradurre in un vero e proprio lavoro che non paga se non vi si dedica il tempo necessario proprio come per un qualsiasi lavoro fulltime.

Leggi tutto...

Contatti

Sede: Via Luigi Gadola 3, 00155 Roma
Email: info@elamedia.it
Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure.  

Scrivici

  

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità:

       Via Luigi Gadola 3
00155 Roma

Email: info@elamedia.it

Partita IVA: 12238581008 

Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure


In alternativa puoi utilizzare il form che trovi 
in Home per comunicare con la nostra Web Agency 

GDPR e Cookie Privacy. Questo sito utilizza solo Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento). La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies verrà interpretata come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal sito stesso.