Ti sei cimentato nella creazione di un sito e ora non sai come farlo crescere in SERP? Non hai molto budget per servizi come la Link building? Non aver paura… puoi contare ancora sulla Generazione di contenuti digitali di valore (da parte tua e della tua redazione) per il così detto completamento del campo semantico (per far crescere l’autorevolezza del tuo progetto agli occhi di Google). Completare il campo semantico di un sito significa arricchire il contenuto del sito con una gamma di Parole chiave e frasi correlate al tuo argomento o settore principale. Questo non significa solo includere parole chiave specifiche per le quali stai cercando di classificarti, ma anche termini correlati, sinonimi, argomenti correlati, domande frequenti, ecc.

Menu di navigazione dell'articolo

Ecco perché è importante:

  1. Migliora la comprensione del tuo sito da parte dei Motori di ricerca: I motori di ricerca utilizzano complessi algoritmi di apprendimento automatico per comprendere il contenuto di un sito web. Quando completi il campo semantico del tuo sito, aiuti i motori di ricerca a capire meglio di cosa tratta il tuo sito. Questo può aiutare a migliorare la visibilità del tuo sito per una gamma più ampia di ricerche correlate.
  2. Migliora l'esperienza dell'utente: Un campo semantico ben sviluppato può migliorare l'esperienza dell'utente fornendo informazioni più complete e dettagliate. Questo può aiutare a mantenere gli utenti sul tuo sito più a lungo, riducendo il tasso di rimbalzo e potenzialmente aumentando le conversioni.
  3. posizionamento per una gamma più ampia di parole chiave: Completando il campo semantico, puoi posizionarti per una gamma più ampia di parole chiave correlate, non solo per quelle specifiche che stai cercando di targetizzare. Questo può aiutare a migliorare la visibilità del tuo sito e a portare più traffico.
  4. Rilevanza del contenuto: Un campo semantico ben sviluppato può migliorare la rilevanza del tuo contenuto. Google e altri motori di ricerca premiano il contenuto rilevante che risponde efficacemente alle domande degli utenti.
  5. Risposta alle ricerche vocali e semantiche: Con l'aumento delle ricerche vocali e semantiche, è diventato ancora più importante assicurarsi che il tuo contenuto risponda in modo efficace a domande e ricerche correlate. Completare il campo semantico può aiutare a farlo.

Puoi completare il campo semantico del tuo sito web facendo una ricerca approfondita delle parole chiave e degli argomenti correlati nel tuo settore, e creando contenuti di alta qualità che coprono questi argomenti in modo approfondito.

Per raggiungere un'ampia visibilità è molto importante prima di tutto creare un sito con Joomla, ma anche ottimizzarlo a dovere, il tutto per scalare la SERP dell'elenco dei migliori motori di ricerca.

Non trascurare l'importanza di rivolgerti a un Consulente SEO competente. Chiamaci al numero gratuito 800 119 270.

Cosa fare se parto da zero?

Keywords Research tramite SEO Zoom

SEO Zoom è un potente strumento SEO prevalentemente utilizzato in Italia per analizzare e migliorare la tua strategia di marketing dei contenuti. Una delle sue funzionalità più utili è la ricerca di parole chiave o "Keyword Research". Ecco una guida su come utilizzarlo per questo scopo:

  1. Accedi al tuo account: Innanzitutto, devi avere un account su SEO Zoom. Accedi con le tue credenziali o, se non hai un account, registrati e segui i passaggi per impostarlo.
  2. Scegli l'opzione di Keyword Research: Una volta effettuato l'accesso, vai al menu principale sul lato sinistro dello schermo e clicca su "Keyword Research". Questo ti porterà alla pagina principale per la ricerca di parole chiave.
  3. Inserisci la tua parola chiave o frase di partenza: Inserisci la parola chiave o frase che vuoi esplorare nel campo di ricerca. Per esempio, se stai cercando di migliorare la SEO per un blog di ricette, potresti iniziare con parole chiave come "ricette vegetariane" o "cucina italiana".
  4. Analizza i risultati: Dopo aver inserito la tua parola chiave e premuto "Cerca", SEO Zoom mostrerà una serie di risultati correlati. Questi includeranno non solo la parola chiave che hai inserito, ma anche altre parole chiave correlate che potrebbero essere pertinenti per la tua strategia di contenuti. Per ogni parola chiave, vedrai diversi dati, tra cui il volume di ricerca mensile, la difficoltà di posizionamento, il costo per click (CPC) e altre informazioni utili.
  5. Esamina le parole chiave correlate: Questa è una delle funzionalità più potenti di SEO Zoom. Ti permette di vedere non solo le parole chiave direttamente correlate a quella che hai inserito, ma anche quelle che sono correlazioni lontane. Questo può aiutarti a scoprire nuove opportunità di parole chiave che potresti non aver considerato.
  6. Seleziona le parole chiave più promettenti: Dopo aver esaminato i risultati, scegli le parole chiave che sembrano più promettenti per la tua strategia di contenuti. Ricorda di considerare non solo il volume di ricerca, ma anche la difficoltà di posizionamento e la rilevanza per il tuo pubblico target.
  7. Salva le tue parole chiave: Una volta scelte le parole chiave, assicurati di salvarle. SEO Zoom offre la possibilità di salvare le parole chiave in liste personalizzate, il che può essere molto utile per organizzare la tua strategia di parole chiave.
  8. Utilizza le tue parole chiave nei tuoi contenuti: Infine, assicurati di utilizzare le parole chiave che hai trovato nei tuoi contenuti. Ricorda, l'obiettivo della ricerca di parole chiave non è solo trovare le parole chiave, ma utilizzarle per creare contenuti migliori e più rilevanti.

Tra lestrategie per l'aggiornamento dei link interni all'interno di un sito web, vogliamo menzionare la nostra guida sul redirect 301 come risorsa chiave per garantire una transizione senza intoppi.

Ti ricordiamo una cosa… se ti occorre una consulenza sul Web Marketing a Roma e provincia, valuta la possibilità di contattarci al numero che vedi qui sulla destra.

Chiama l'800 119 270 o scrivici per un preventivo

Formula del consenso

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie)

Cosa fare se ho già un Blog molto grande? Occhio alla struttura a siloing.

Qual è la pagina con più autorevolezza del mio sito? E perché proprio la Home page?

L'autorevolezza di una pagina web è determinata da vari fattori, tra cui il numero e la qualità dei link che puntano a quella pagina, la qualità e la pertinenza del contenuto, la struttura del sito e altri fattori SEO. In molti casi, la home page di un sito è la pagina più autorevole perché:

  1. Più link esterni: La home page di un sito web è spesso quella che riceve più link da altri siti. Questo perché quando le persone linkano un sito, tendono a linkare la home page piuttosto che una pagina interna specifica. Più link di alta qualità puntano a una pagina, più quella pagina è considerata autorevole.
  2. Più link interni: La home page di un sito web solitamente ha molti link interni che puntano a essa. Ogni pagina del tuo sito web, ad esempio, potrebbe avere un link alla home page nel menu di navigazione o nel logo del sito. Questi link interni aiutano a trasferire l'autorevolezza da altre parti del sito alla home page.
  3. Contenuto di alta qualità e pertinente: La home page di un sito è spesso quella con il contenuto più accurato e pertinente. Essa fornisce una panoramica del sito, presenta i suoi contenuti più importanti e guida i visitatori verso le informazioni che stanno cercando.
  4. Maggiore traffico: La home page di un sito web è spesso quella con il maggior numero di visite. Questo traffico, insieme all'interazione degli utenti con la pagina (come il tempo trascorso sulla pagina e il tasso di rimbalzo), può influenzare l'autorevolezza di una pagina.

Tuttavia, non è sempre vero che la home page è la più autorevole. In alcuni casi, una pagina interna potrebbe diventare più autorevole se riceve un gran numero di backlink di alta qualità o se il suo contenuto è estremamente pertinente e di alta qualità.

Per determinare l'autorevolezza delle pagine del tuo sito, puoi utilizzare strumenti come Google Search Console, Ahrefs, Semrush o Moz, che forniscono metriche come il Pagerank, l'URL Rating, il Page Authority e altre.

Quanti link (ai miei articoli) posso inserire in Home page?

Non esiste un numero esatto o un limite rigido per quanti link puoi includere nella tua home page, o in qualsiasi altra pagina del tuo sito web. Tuttavia, ci sono alcune linee guida generali che potresti voler seguire.

In passato, Google ha suggerito di mantenere il numero di link su una singola pagina al di sotto di circa 100. Questo non era un limite rigido, ma piuttosto una linea guida suggerita per garantire un'ottima esperienza utente e una corretta indicizzazione da parte dei crawler dei motori di ricerca.

Tuttavia, con l'avvento di siti web più moderni e complessi, questa linea guida non è più così rilevante. Al giorno d'oggi, Google è in grado di indicizzare pagine con centinaia di link senza problemi.

Ciò detto, dovresti ancora fare attenzione a non esagerare con i link sulla tua home page. Ecco perché:

  1. Esperienza utente: Troppi link su una pagina possono rendere difficile per gli utenti trovare ciò che stanno cercando e possono creare un'esperienza utente confusionaria o frustrante.
  2. Diluizione del valore dei link: Ogni pagina del tuo sito ha una certa quantità di "link juice" o valore dei link che può passare ad altre pagine tramite link. Più link ci sono su una pagina, più questo valore viene diluito tra i vari link.
  3. Crawler dei motori di ricerca: Anche se i crawler dei motori di ricerca possono gestire un gran numero di link, potrebbero non essere in grado di indicizzare tutti i link su una pagina con molti link, specialmente se la pagina è molto grande o complessa.

In generale, il consiglio migliore è concentrarsi sulla creazione di una home page che fornisca un'ottima esperienza utente, con link pertinenti e utili che guidano gli utenti verso le informazioni più importanti del tuo sito. Ricorda, la qualità dei link è più importante della quantità.

I link in home hanno tutti lo stesso valore oppure ci sono delle posizioni in cui conviene maggiormente inserire di collegamenti interni?

Non tutti i link sulla tua home page avranno necessariamente lo stesso valore. Diversi fattori possono influenzare il valore SEO di un link, tra cui la sua posizione sulla pagina, il contesto in cui si trova, e come viene presentato agli utenti. Ecco alcuni punti da considerare:

  1. Posizione sulla pagina: I link che si trovano in posizioni di rilievo sulla pagina, come la parte superiore della pagina o il centro della pagina, possono avere più valore di quelli nascosti in fondo alla pagina o in posizioni meno visibili. Questo perché i link in posizioni di rilievo sono più probabili che vengano cliccati dagli utenti.
  2. Contesto del link: I link che sono inseriti in un contesto pertinente e significativo possono avere più valore di quelli che sono semplicemente elencati o inseriti in un contesto non pertinente. Ad esempio, un link a un articolo del blog che è inserito in una breve descrizione dell'articolo sulla tua home page potrebbe avere più valore di un link che è semplicemente elencato in un elenco di link.
  3. Presentazione del link: I link che sono presentati in modo attraente e che attirano l'attenzione degli utenti possono avere più valore. Questo potrebbe includere link con immagini accattivanti, titoli interessanti, o descrizioni dettagliate.
  4. Link nel menu di navigazione: I link nel tuo menu di navigazione principale sono spesso molto preziosi, perché appaiono su ogni pagina del tuo sito e sono facilmente accessibili per gli utenti.

Ricorda, tuttavia, che il valore SEO di un link è solo una parte del quadro generale. Il tuo obiettivo principale dovrebbe essere sempre creare un'ottima esperienza utente, il che significa fornire link pertinenti e utili che aiutino i tuoi utenti a trovare le informazioni che stanno cercando.

Plugin per l'auto link interno tra articoli del sito

Per Wordpress, uno dei plugin più popolari è SEO Smart Links. Questo plugin ti permette di definire le tue parole chiave e le URL associate, e automaticamente aggiunge link alle pagine interne del tuo sito quando queste parole chiave appaiono nei tuoi post. Puoi anche impostare SEO Smart Links per ignorare determinate parole chiave o frasi, per avere un controllo ancora maggiore sui link interni del tuo sito.

Per Joomla, puoi utilizzare sh404SEF. Questo componente, oltre a gestire tutti gli aspetti relativi alle URL SEO-friendly, consente anche di creare automaticamente collegamenti interni utilizzando le parole chiave specificate. Una volta che hai configurato le tue parole chiave e le URL corrispondenti, sh404SEF si occuperà di aggiungere i link ogni volta che le parole chiave vengono utilizzate nei tuoi contenuti.

Ricorda, l'uso di questi plugin dovrebbe essere parte di una strategia di SEO più ampia. Mentre possono aiutare a migliorare la SEO del tuo sito, non sostituiscono la necessità di creare contenuti di alta qualità e di ottimizzare il tuo sito in altri modi.

Quali sono gli strumenti per capire quali sono le pagine con più Juice a livello seo?

"Juice" in termini SEO si riferisce spesso al concetto di "Link Juice", che è il valore o l'autorità trasmessa da una pagina all'altra attraverso i link. Questo concetto è fondamentale per il PageRank, l'Algoritmo originale di Google per classificare le pagine web. Vari strumenti SEO possono aiutarti a capire quali sono le pagine del tuo sito con più "juice". Ecco alcuni di questi:

  1. Google Search Console: Questo strumento gratuito di Google offre un'analisi dettagliata dei link interni ed esterni che puntano al tuo sito. Puoi vedere quali pagine ricevono più link e quindi presumibilmente più "juice".
  2. Ahrefs: Ahrefs è uno strumento SEO a pagamento molto potente. Offre un'analisi approfondita dei backlink, mostrando quali pagine del tuo sito ricevono più link da siti esterni. Ahrefs calcola anche un punteggio chiamato "URL Rating" che rappresenta la forza del profilo dei backlink di una pagina.
  3. SEMrush: SEMrush è un altro strumento SEO a pagamento che offre un'analisi dettagliata dei backlink. Ha un punteggio chiamato "Authority Score" che misura la qualità e la quantità dei link che puntano a una pagina.
  4. Moz: Moz offre un punteggio chiamato "Page Authority" che rappresenta la probabilità che una pagina specifica sia classificata sui motori di ricerca. Page Authority è basato su un algoritmo di machine learning e tiene conto dei link che puntano a una pagina.
  5. Majestic: Majestic ha un punteggio chiamato "Citation Flow" che misura la quantità di link che puntano a una pagina, e un punteggio chiamato "Trust Flow" che misura la qualità di questi link. Entrambi i punteggi possono aiutarti a capire il "juice" di una pagina.

Ricorda che la quantità di "juice" o l'autorità di una pagina non è l'unico fattore che Google considera nel classificare le pagine. Altri fattori importanti includono la pertinenza del contenuto rispetto alla query di ricerca, l'esperienza dell'utente sulla pagina, la velocità di caricamento della pagina, e molti altri.

Autore: Enrico Mainero

Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).