Benvenuto nel nostro Blog e dunque in una nuova guida firmata ElaMedia Group, un'Agenzia Web con più di 15 anni di esperienza nella realizzazione di siti internet in Joomla e nella Consulenza SEO a Roma. Dopo avervi parlato di Broken Link Building, oggi vi proponiamo un nuovo tema.

Menu di navigazione dell'articolo

Il nostro sito vi svelerà tutti i segreti dei tool del web spiegandovi come usare Chet GPT e come usare Rank Math;  tutto quello che c’è da sapere per usare Elementor, fornendo una pratica guida su come usare Jasper AI e persino un approfondimento dedicato a come creare newsletter Brevo ex Sendinblue. Ma oggi di cosa parleremo?

Nell'attuale scenario digitale, confrontare gli strumenti SEO come Semrush e SEOZoom è fondamentale per comprendere quale soluzione sia più adatta alle proprie esigenze. In questo articolo, analizzeremo la comparazione tra questi due strumenti, considerando le loro funzionalità, l'analisi delle keyword, i prezzi, la valutazione delle performance SEO e i servizi di audit per i siti web. Dopo aver realizzato un sito web questi sono infatti strumenti che devi conoscere davvero nel dettaglio.

Esamineremo inoltre il monitoraggio del posizionamento dei siti web da entrambi gli strumenti, così come l'analisi dei backlink e la possibilità di creare report SEO personalizzati. La ricerca dei competitor e l'ottimizzazione dei contenuti SEO rappresentano ulteriori aspetti importanti nella scelta tra Semrush e SEOZoom.

Il tracking delle Parole chiave e la gestione dei progetti SEO sono due ulteriori funzionalità che prenderemo in considerazione, insieme alle recensioni e ai case study di entrambi gli strumenti. Valuteremo l'efficacia di Semrush e SEOZoom per capire quale dei due offre un servizio migliore.

Nell'ambito degli strumenti SEO italiani, sia Semrush che SEOZoom si sono affermati come soluzioni di riferimento. Infine, esploreremo le opzioni di supporto e le integrazioni offerte da entrambi gli strumenti, per aiutarti a scegliere la piattaforma che meglio si adatta alle tue esigenze e strategie di marketing online.

Sia SEMrush che SEOZoom sono stati inseriti tra i migliori 5 “SEO Tools” sul mercato (gli altri sono Majestic SEO, Screaming Frog e Ahrefs). Ma cos’è, esattamente, un SEO tool? Sono “attrezzi” indispensabili per qualunque strategia di Searching Engine Optimization e per i procedimenti di ottimizzazione di un sito web per i Motori di ricerca, in particolare per Google. Essi restituiscono indici atti a capire precisamente lo stato di salute di un sito per quel riguarda il traffico, i backlinks e quant’altro. Quanto più in profondo viene effettuata l’analisi di un sito, tanto più il tool risulta efficiente e, quindi migliore degli altri.

Gli studi rilasciati da SEMrush e SEOZoom

Recentemente entrambi i tool hanno rilasciato dei report sui fattori di ranking, cioè su quali caratteristiche di un sito ne aumentano il rank e di conseguenza il posizionamento, sui motori di ricerca. Entrambe queste ricerche sono interessanti e dettagliate, prendendo infatti in considerazione decine di elementi in grado di influenzare il posizionamento di un sito.

Lo studio di SEMrush, Ranking Factors 2.0, analizza circa 600.000 keyword, ciascuna riguardante le prime 100 pagine che si posizionano nella SERP di Google. Il fine è, ovviamente, quello di individuare i cosiddetti Ranking Factors, cioè i fattori che hanno un peso nel posizionamento di un sito, misurando la loro influenza a seconda del volume di ricerca della keyword. Per esaminare l’importanza dei fattori è stato utilizzato un Algoritmo chiamato Random Forest, con l’aggiuntiva considerazione di aspetti quali fattori on-page, profili back link e dati sul traffico.
Le keywords sono state ordinate per volume di traffico potenziale, definendo quattro gruppi: keywords a basso volume (1 -100), keywords a medio volume(101 -1,000), keywords ad alto volume (1,001 -10,000), keywords ad altissimo volume (10,000+).

SEOZoom invece ha condotto una ricerca basata su un campione di mezzo milione di pagine e da un sottoinsieme di keywords raggruppate anch’esse per volumi di ricerca. I risultati presi in esame sono stati quelli della prima pagina della SERP di Google. I risultati sono poi stati divisi in due gruppi i primi tre che vengono identificati come “Top 3” e i successivi sette, che ricoprono i risultati dalla quarta alla decima posizione, identificati come “Last 7”. Il fine principale di questa ricerca è stato quello di individuare i fattori comuni tra le posizioni vicine.

Pensi di aver bisogno di una consulenza sul Web Marketing? Noi possiamo aiutarti. Valuta di contattarci al numero che trovi sulla destra.

Chiama l'800 119 270 o scrivici per un preventivo

Formula del consenso

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie)

Per ampliare la tua conoscenza sulle tematiche SEO, ti raccomandiamo di consultare il nostro articolo incentrato su Googlebot.

Principali differenze tra i tools

La differenza principale tra i due è sicuramente la possibilità di effettuare o meno ricerche di keyword italiane piuttosto che internazionali: SEOZoom è, infatti, specializzato nel mercato italiano: le parole chiave che individua sono quelle ricercate sul portale di Google in lingua italiana (Google.it), mentre SEMrush ha la possibilità di selezionare altri paesi nei quali effettuare la ricerca.

I parametri più utili sono:

  • Volume ricerca medio (mensile);
  • Keyword difficulty (grado di concorrenzialità della parola chiave);
  • Keyword opportunity (quanto è facile posizionare una parola chiave);
  • Stagionalità (non tutte le keyword vengono cercate con la stessa frequenza durante l’anno);
  • Ultima SERP (il posizionamento dei tuoi concorrenti);
  • Keyword correlate (argomenti correlati a quello principale);
  • Analisi competitor (ti aiuta a capire quanti backlink hanno i tuoi concorrenti e se i loro contenuti saranno diffiili da superare);

Un tassello importante della strategia SEO è la Link building, ovvero azioni atte ad aumentare il numero e qualità di link in entrata al sito. Da questo punto di vista, comunque, entrambi i tool svolgono correttamente il proprio lavoro, attraverso una suddivisione in follow e nofollow e assegnano un punteggio a ogni back link.

La scelta tra i due verte dunque più sulla lingua del sito e del mercato al quale ci si rivolge: se la lingua utilizzata è prevalentemente l’italiano, SEOZoom è la scelta migliore. Altrimenti, SEMrush risulta essere più efficace.

Se questo articolo sta catturando la tua attenzione, allora ti consigliamo di mettere da parte anche questo sul "noindex". Aprilo subito in un nuovo Tab del browser per non dimenticarne.

L’article spinner

L'ottimizzazione per Google è un processo importante per migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca. Tuttavia, come sottolineato nel testo, l'uso di tecniche Black Hat SEO come l'article spinning può essere dannoso per il posizionamento del sito web a lungo termine e può causare penalizzazioni da parte di Google.

Invece di concentrarsi sulla quantità di contenuti generati, è importante creare contenuti di alta qualità e originali che siano utili per gli utenti. L'uso di sinonimi e altre tecniche di variazione del testo dovrebbe essere fatto con cura e moderazione per evitare di creare contenuti che suonino poco naturali o addirittura contenenti errori grammaticali.

Inoltre, è importante tener conto dei bisogni degli utenti e creare contenuti che siano informativi, pertinenti e di valore per il pubblico di destinazione. Ciò può aiutare a migliorare l'esperienza dell'utente sul sito web, aumentare l'engagement e migliorare la reputazione e l'autorità del sito web sui motori di ricerca.

In sintesi, l'uso di tecniche Black Hat SEO come l'article spinning può portare a risultati a breve termine, ma a lungo termine può essere dannoso per il posizionamento del sito web sui motori di ricerca. È importante invece concentrarsi sulla Generazione di contenuti digitali di alta qualità e utili per gli utenti, che siano in linea con le linee guida di Google per l'ottimizzazione dei motori di ricerca.

SEMrush e SEOZoom mi danno delle informazioni sul tag canonical?

sul tag canonical tra le loro varie funzionalità di analisi SEO. Questi strumenti sono progettati per aiutare i webmaster e i professionisti SEO a ottimizzare i loro siti web per i motori di ricerca, e la gestione corretta dei tag canonical è un aspetto importante di questa ottimizzazione.

SEMrush

SEMrush offre una suite completa di strumenti per l'analisi SEO, tra cui la possibilità di rilevare e gestire i tag canonical. All'interno di SEMrush, puoi trovare informazioni sui tag canonical nel modulo "Audit del Sito" (Site Audit). Questa funzionalità esegue una scansione completa del tuo sito web alla ricerca di vari problemi SEO, inclusi quelli relativi ai tag canonical. Il report generato dall'audit del sito evidenzierà problemi come tag canonical mancanti, tag impostati in modo errato o problemi di contenuto duplicato che potrebbero essere risolti tramite l'uso corretto dei tag canonical.

SEOZoom

Anche SEOZoom è uno strumento di analisi SEO molto apprezzato nel mercato italiano, che offre una vasta gamma di funzionalità per l'ottimizzazione dei siti web. Tra queste, trovi l'analisi dei tag canonical come parte del suo Audit SEO. SEOZoom può aiutarti a identificare eventuali problemi con l'implementazione dei tag canonical sul tuo sito, come l'utilizzo improprio dei tag o la presenza di tag canonical che puntano a URL non corretti, aiutandoti così a evitare problemi di indicizzazione o di contenuto duplicato.

Utilizzo di SEMrush e SEOZoom per i Tag Canonical

Per utilizzare queste funzionalità, dovrai accedere al tuo account SEMrush o SEOZoom e navigare fino alla sezione di audit del sito o analisi SEO. Dopo aver eseguito la scansione del tuo sito, esamina i report per trovare sezioni dedicate ai tag canonical. Entrambi gli strumenti offrono anche consigli pratici e indicazioni su come correggere gli errori individuati, rendendo più semplice per te ottimizzare il tuo sito.

È importante notare che, mentre SEMrush e SEOZoom possono fornire dati preziosi e insight sugli aspetti tecnici del tuo sito, compresi i tag canonical, dovresti sempre combinare queste informazioni con una revisione manuale e una strategia SEO ben pianificata. Questo approccio olistico ti assicurerà di risolvere efficacemente qualsiasi problema relativo ai tag canonical e di ottimizzare il tuo sito per una migliore visibilità sui motori di ricerca.

Quali sono le principali alternative a SEO Zoom e Sem Rush?

Esistono diverse alternative a Semrush e SEOZoom nel mercato degli strumenti SEO. Alcune delle principali alternative includono:

  1. Ahrefs: Uno strumento SEO completo che offre analisi delle parole chiave, analisi dei backlink, audit del sito e monitoraggio del posizionamento. Ahrefs è noto per il suo ampio database di backlink e la sua interfaccia user-friendly.
  2. Moz Pro: Una suite di strumenti SEO che include ricerca e analisi delle parole chiave, analisi dei backlink, audit SEO e monitoraggio del posizionamento. Moz Pro è particolarmente apprezzato per il suo indice di autorità di dominio (DA) e l'autorità di pagina (PA).
  3. Serpstat: Uno strumento SEO all-in-one che offre analisi delle parole chiave, analisi dei backlink, audit del sito, analisi dei competitor e molto altro. Serpstat è conosciuto per la sua interfaccia semplice e intuitiva e per i suoi prezzi competitivi.
  4. Majestic: Uno strumento SEO focalizzato principalmente sull'analisi dei backlink, con un'enorme base di dati di collegamenti e metriche avanzate come Trust Flow e Citation Flow. Majestic offre anche analisi delle parole chiave e monitoraggio del posizionamento.
  5. Screaming Frog SEO Spider: Uno strumento di audit SEO che analizza il tuo sito web per identificare problemi e miglioramenti in termini di SEO on-page, come meta tag, risposte HTTP e contenuti duplicati. Screaming Frog è particolarmente utile per l'analisi tecnica del sito web.
  6. Ubersuggest: Uno strumento di ricerca e analisi delle parole chiave creato da Neil Patel che fornisce informazioni dettagliate sulle parole chiave, il posizionamento e i competitor. Ubersuggest offre anche suggerimenti per l'ottimizzazione dei contenuti e l'analisi dei backlink.

Ognuna di queste alternative ha le proprie caratteristiche uniche e vantaggi, quindi è importante valutare attentamente le proprie esigenze e obiettivi di marketing prima di scegliere lo strumento SEO più adatto.

FAQ

Quali sono le principali differenze tra Semrush e SEOZoom?

Le principali differenze tra Semrush e SEOZoom riguardano le funzionalità offerte, l'origine geografica dei due strumenti e i piani tariffari. Semrush è un'azienda internazionale che offre un'ampia gamma di funzionalità, tra cui analisi delle keyword, analisi dei backlink, audit SEO, analisi dei competitor e molto altro. SEOZoom, invece, è un'azienda italiana che si concentra maggiormente sul mercato italiano e offre funzionalità simili a Semrush, con alcune peculiarità specifiche per il contesto italiano. Per quanto riguarda i piani tariffari, Semrush tende ad avere costi più elevati rispetto a SEOZoom, ma offre anche un maggior numero di funzionalità e risorse.

Come si confrontano Semrush e SEOZoom per quanto riguarda l'analisi delle keyword?

Sia Semrush che SEOZoom offrono strumenti avanzati per l'analisi delle keyword, inclusa la ricerca di parole chiave, il monitoraggio del posizionamento e la valutazione della difficoltà delle keyword. Tuttavia, Semrush offre un database più ampio e aggiornato di parole chiave a livello globale, mentre SEOZoom si concentra principalmente sul mercato italiano. Entrambi gli strumenti forniscono suggerimenti per l'ottimizzazione dei contenuti e l'identificazione di nuove opportunità di parole chiave.

Semrush e SEOZoom offrono entrambi analisi dei backlink?

Sì, sia Semrush che SEOZoom offrono strumenti per l'analisi dei backlink. Entrambi permettono di monitorare e analizzare i backlink del proprio sito web e dei competitor, fornendo informazioni dettagliate sui domini di riferimento, l'autorità del dominio e la qualità dei backlink. Semrush ha un database di backlink più ampio a livello globale, mentre SEOZoom offre dati più specifici e accurati per il contesto italiano.

Quali sono le opzioni di supporto offerte da Semrush e SEOZoom?

Semrush e SEOZoom offrono entrambi supporto ai propri utenti attraverso diversi canali. Semrush offre un centro di assistenza completo con guide, video tutorial e una sezione FAQ, oltre a un servizio di supporto via chat, telefono ed e-mail. SEOZoom, invece, offre un supporto principalmente in italiano, con una knowledge base ben organizzata, una sezione FAQ e un servizio di assistenza via e-mail e chat. Inoltre, entrambe le piattaforme offrono risorse di formazione per aiutare gli utenti a sfruttare al meglio le funzionalità offerte.

È possibile integrare Semrush e SEOZoom con altri strumenti di marketing?

Sì, sia Semrush che SEOZoom offrono integrazioni con altri strumenti di marketing. Semrush, ad esempio, si integra con Google Analytics, Google Search Console, Google ADS, Trello e molti altri strumenti. SEOZoom, invece, offre integrazioni con Google Analytics, Google Search Console e altre piattaforme italiane, come AdEspresso e MailUp. Entrambe le piattaforme sono in grado di esportare dati in vari formati, come CSV o Excel, consentendo agli utenti di lavorare con altre soluzioni di marketing e analisi dei dati.

In che modo Semrush e SEOZoom aiutano nell'analisi dei competitor?

Sia Semrush che SEOZoom offrono strumenti per l'analisi dei competitor, consentendo agli utenti di monitorare le strategie SEO, PPC e di contenuto dei loro concorrenti. Entrambe le piattaforme permettono di identificare i principali competitor nel proprio settore, analizzare le loro parole chiave, i backlink e le campagne pubblicitarie. Queste informazioni possono essere utilizzate per migliorare le proprie strategie di marketing e per identificare nuove opportunità di crescita.

Come Semrush e SEOZoom supportano l'ottimizzazione dei contenuti SEO?

Semrush e SEOZoom offrono entrambi strumenti per l'ottimizzazione dei contenuti SEO, tra cui suggerimenti per l'uso di parole chiave, la creazione di titoli e meta description ottimizzati e la valutazione della leggibilità dei contenuti. Entrambe le piattaforme forniscono anche suggerimenti per migliorare la struttura del sito web e l'esperienza utente, al fine di aumentare la visibilità sui motori di ricerca e il coinvolgimento degli utenti.

Autore: Enrico Mainero

Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).