Sia SEMrush che SEOZoom sono stati inseriti tra i migliori 5 “SEO Tools” sul mercato (gli altri sono Majestic SEO, Screaming Frog e Ahrefs). Ma cos’è, esattamente, un SEO tool? Sono “attrezzi” indispensabili per qualunque strategia di Searching Engine Optimization e per i procedimenti di ottimizzazione di un sito web per i motori di ricerca, in particolare per Google. Essi restituiscono indici atti a capire precisamente lo stato di salute di un sito per quel riguarda il traffico, i backlinks e quant’altro. Quanto più in profondo viene effettuata l’analisi di un sito, tanto più il tool risulta efficiente e, quindi migliore degli altri.

Gli studi rilasciati da SEMrush e SEOZoom

Recentemente entrambi i tool hanno rilasciato dei report sui fattori di ranking, cioè su quali caratteristiche di un sito ne aumentano il rank e di conseguenza il posizionamento, sui motori di ricerca. Entrambe queste ricerche sono interessanti e dettagliate, prendendo infatti in considerazione decine di elementi in grado di influenzare il posizionamento di un sito.

Lo studio di SEMrush, Ranking Factors 2.0, analizza circa 600.000 keyword, ciascuna riguardante le prime 100 pagine che si posizionano nella SERP di Google. Il fine è, ovviamente, quello di individuare i cosiddetti Ranking Factors, cioè i fattori che hanno un peso nel posizionamento di un sito, misurando la loro influenza a seconda del volume di ricerca della keyword. Per esaminare l’importanza dei fattori è stato utilizzato un algoritmo chiamato Random Forest, con l’aggiuntiva considerazione di aspetti quali fattori on-page, profili back link e dati sul traffico.
Le keywords sono state ordinate per volume di traffico potenziale, definendo quattro gruppi: keywords a basso volume (1 -100), keywords a medio volume(101 -1,000), keywords ad alto volume (1,001 -10,000), keywords ad altissimo volume (10,000+).

SEOZoom invece ha condotto una ricerca basata su un campione di mezzo milione di pagine e da un sottoinsieme di keywords raggruppate anch’esse per volumi di ricerca. I risultati presi in esame sono stati quelli della prima pagina della SERP di Google. I risultati sono poi stati divisi in due gruppi i primi tre che vengono identificati come “Top 3” e i successivi sette, che ricoprono i risultati dalla quarta alla decima posizione, identificati come “Last 7”. Il fine principale di questa ricerca è stato quello di individuare  i fattori comuni tra le posizioni vicine.

Principali differenze tra i tools

La differenza principale tra i due è sicuramente la possibilità di effettuare o meno ricerche di keyword italiane piuttosto che internazionali: SEOZoom è, infatti, specializzato nel mercato italiano: le parole chiave che individua sono quelle ricercate sul portale di Google in lingua italiana (Google.it), mentre SEMrush ha la possibilità di selezionare altri paesi nei quali effettuare la ricerca.

I parametri più utili sono:

  • Volume ricerca medio (mensile);
  • Keyword difficulty (grado di concorrenzialità della parola chiave);
  • Keyword opportunity (quanto è facile posizionare una parola chiave);
  • Stagionalità (non tutte le keyword vengono cercate con la stessa frequenza durante l’anno);
  • Ultima SERP (il posizionamento dei tuoi concorrenti);
  • Keyword correlate (argomenti correlati a quello principale);
  • Analisi competitor (ti aiuta a capire quanti backlink hanno i tuoi concorrenti e se i loro contenuti saranno diffiili da superare);

Un tassello importante della strategia SEO è la link building, ovvero azioni atte ad aumentare il numero e qualità di link in entrata al sito. Da questo punto di vista, comunque, entrambi i tool svolgono correttamente il proprio lavoro, attraverso una suddivisione in follow e nofollow e assegnano un punteggio a ogni back link.

La scelta tra i due verte dunque più sulla lingua del sito e del mercato al quale ci si rivolge: se la lingua utilizzata è prevalentemente l’italiano, SEOZoom è la scelta migliore. Altrimenti, SEMrush risulta essere più efficace.

Pin It

Potrebbe interessarti anche...

Dimensioni per la copertina di Facebook: come scegliere la foto giusta

Nell’era digitale i biglietti da visita sono i profili social, da Instagram a Twitter a Facebook; quest’ultimo risulta essere sempre il più utilizzato, nonostante gli alti e i bassi e la concorrenza degli altri sviluppatori di social network. Proprio come un biglietto da visita per essere efficace e interessante deve risultare chiaro, immediato, ben delineato, essenziale e puntuale nelle informazioni e gradevole al tatto e alla vista, così una pagina Facebook e il proprio profilo devono essere curati nei minimi dettagli utilizzando e scegliendo le immagini giuste e più rappresentative della propria personalità, con colori chiari e attraenti, con caratteri leggibili in caso di editing delle immagini con sovrascritte e soprattutto delle dimensioni giuste perché altrimenti si vanifica ogni sforzo. 

Leggi tutto...

Tag Alt Immagini, a cosa serve e come ottimizzarlo per la SEO

immagine artistica di un treno

Il mondo del web è sempre più visual e meno verbale; si dice spesso che un’immagine comunica più di mille parole, e il web si sta arricchendo di immagini – anche molto belle – ma che possono restare invisibili e rendere invisibili anche i contenuti alle quali sono poste a commento in modo anche appropriato se non si adottano le giuste strategie SEO per le immagini. Non è sufficiente ottimizzare solo i contenuti testuali di una pagina web per posizionarsi nelle prime pagine dei motori di ricerca, ma anche e soprattutto i contenuti multimediali necessitano di essere ottimizzati per creare una sinergia perfetta in ottica SEO.

Leggi tutto...

Menzioni e citazioni per la SEO: di cosa si parla?

Ormai, non possiamo certo, nascondercelo tutto il mondo gira intorno ad internet e giorno dopo giorno ci riscopriamo sempre più dipendenti di un mondo virtuale che ha sulle nostre vite un impatto nettamente superiore rispetto a quello reale. E in questa verità, seppur paradossale, si sono affacciate numerose figure professionali che stanno dando un peso specifico a livello sociale: tra le tante, in questo momento, spicca il cosiddetto esperto SEO (acronimo che sta per Search Engine Optimization). Ma cosa è questo esperto SEO? Di cosa si occupa?

Leggi tutto...

Contatti

Sede: Via Luigi Gadola 3, 00155 Roma
Email: info@elamedia.it
Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure.  

Scrivici

  

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità:

       Via Luigi Gadola 3
00155 Roma

Email: info@elamedia.it

Partita IVA: 12238581008 

Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure


In alternativa puoi utilizzare il form che trovi 
in Home per comunicare con la nostra Web Agency 

GDPR e Cookie Privacy. Questo sito utilizza solo Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento). La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies verrà interpretata come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal sito stesso.