Le tecniche per portare una pagina web in prima posizione sui motori di ricerca, sono molte ed ogni professionista ha una serie di attività che ritiene funzionare e che, in maniera diversa, utilizza per questo scopo. Alcuni strumenti si rilevano sicuramente più efficaci di altri e, soprattutto, alcuni sono assolutamente consentiti e normali, mentre altri possono essere, se non vietati da Google, al limite del consentito.

Queste tecniche, che si sono sviluppate per ottenere risultati in maniera più immediata e veloce sono definite di Black Hat SEO. 

Una delle tecniche di maggior successo, soprattutto alcuni anni fa c’è il cosiddetto article spinning.

Si tratta di una tecnica che permette di creare in brevissimo tempo, centinaia di contenuti da inserire nei nostri siti o da diffondere nel web, senza ricorrere a contenuti duplicati grazie alla variazione di alcune parti di testo, che vengono sostituite da sinonimi o da un’alternativa.

Questo “trucco” permette di aggirare la penalizzazione di Google relativa ai contenuti duplicati ed avere a disposizione contenuti, sicuramente non di qualità ma di quantità, per cercare di scalare la SERP (Search Engine Results Page) in maniera non naturale ma veloce.

Possiamo ad esempio creare un network di siti dall’argomento simile ed utilizzare un solo contenuto originale per tutti i siti, perché grazie allo “spin” del testo avremo delle copie con termini diversi.

Naturalmente Google con le sue modifiche e gli update che rilascia per il motore di ricerca, cerca sempre di migliorarsi e penalizzare i siti che lo praticano, ma se utilizzato in maniera intelligente, c’è ancora la possibilità di avere qualche buon risultato.

Inoltre, possiamo utilizzare questa tecnica su siti “test”, così appunto da testare la capacità dell’azienda di Mountain View di intervenire o capire quale nicchia è più “controllata” di altre.

Gli svantaggi dell’article spinning

Trattandosi di una Black Hat SEO, questa tecnica di creazione di contenuti ha alcuni svantaggi dovuti dalla innaturalezza con cui vengono creati i testi:

  • Pochi spinner tool funzionanti con l’italiano: Manca appunto uno sviluppo serio di tool automatizzati che utilizzino la lingua italiana. Questo perché, naturalmente, la lingua più utilizzata nel web è l’inglese, per cui sarà più facile trovare software che funzionino con testi in questa lingua;
  • Google ha imparato a riconoscerli più facilmente: come già detto da un p’ di tempo Google ha migliorato la sua interpretazione degli articoli spinnati e penalizza i siti che li utilizzano.
  • Presentano errori grammaticali: un testo creato da una macchina artificiale avrà sempre qualche problema. Spesso ci troveremo di fronte spinner di testo con grossolani errori grammaticali e siano quindi costretti a revisionare ogni singolo contenuto.
  • Non teniamo conto dei bisogni dell’utente: si tratta di testi scritti più per visibilità e per inserirli in progetti un po’ poco chiari, senza tenere conto della loro vera utilità.

I Maggiori strumenti per la creazione di spinner di testo

Nonostante, come abbiamo già detto, le poche soluzioni per la lingua italiana, ecco un piccolo elenco di alcuni strumenti utili per realizzare spinner di testo:

  • Worpress AutoSpinner: plugin di Wordpress che permette di creare testi spinnati direttamente dalla piattaforma, in modo da modificarli e pubblicarli immediatamente. Alla possibilità di inserire nuovi termini nel vocabolario della lingua utilizzata;
  • Chimp Rewriter: tool un pochino più complesso, utilizzato soprattutto per una scrittura un pochino più avanzata. Il sito prevede 14 giorni di trial per poi diventare a pagamento;
  • Pigreco Lab: software semplice ed intuitivo. Potrebbe sembrare un po’ scarno al primo impatto, ma fa esattamente quello per cui è ideato. Inseriamo un testo con le varie alternative tra parentesi quadre e ci darà tutte le variabili che chiediamo.

SpinnerChief: Uno dei più utilizzati. Supporta la lingua italiana ed ha molte opzioni, con un'unica pecca: è a pagamento.

Perché acquisire abilità nello spinning?

Fare esperimenti nell’ambito dell’article spinner può essere veramente interessante dal punto di vista creativo. Nella pratica è possibile sbizzarrirsi inventando le strutture più articolate, aprendo e chiudendo la scansione a pagine in particolare, anche per il solo piacere di capire come potrebbe rispondere Google. Se per caso vuoi cimentarti in un periodo di studio sul text spinning, bisogna tenere in considerazione che molti tra i SEO più richiesti dalla aziende, sono di fatto quelli che hanno dimostrato pubblicamente abilità in quella che possiamo idealmente visualizzare come una partita contro l’inventore del gioco. Se hai voglia di sperimentare, puoi iniziare aprendo 10 blog su WordPress.com e cimentarti in una resa totalmente fantasiosa della creazione. Ovviamente, un consiglio spassionato per chi è alle prime armi, riguarda lo stare cauti e sul puntare su di una nicchia a bassa competizione, perché non è sempre detto che il cimentarsi in questo settore funzioni con efficacia o a lungo su settori difficili. Impegnati a preparare testi pieni zeppi di variabili: più ne inserisci e maggiori saranno le probabilità di generare testi che non risultino scopiazzati o poco originali. Punta molto sull’aspetto grammaticale e inserisci a volte immagini o video da YouTube e in pochi giorni sarai capace di realizzare una rete di siti veramente funzionale che il pubblico avrà il piacere di visitare.

I grande utilità, una volta presa dimestichezza, potrebbe essere il giocare sui link interi, collegare siti tra loro ad anelo evitando comunque link sitewide nel footer. Vista in questi termini, la pratica dell’article spinning è vista da alcuni solo come uno sport estivo, per altri invece risulta un passatempo divertente, mentre per altri ancora è un momento di studio dei motori di ricerca e per sviluppare un progetto interamente personale. Il content spinning può dunque essere fatto sia manualmente, sia con il supporto di un servizio web ed ovviamente, se si usano i robot presenti nella rete, sarà necessaio controllare che il cambio di alcune parole non abbia modificato il senso di alcune frasi scritte da noi. Il contenuto che realizziamo deve essere elevato e leggibile ai visitatori, per cui per un corretto utilizzo dell’article spinning è necessario che l’utente si serva di una sintassi appropriata. Utili possono essere , all’interno di questo contesto, programmi che aiutano l’utente a praticare il content spinning: alcuni sono gratuiti, altri a pagamento e pochi, purtroppo, supportano la lingua italiana. Molte versioni sono disponibili nella loro versione beta ed è necessario pagare un abbonamento per servirsi a pieno di tutti i servizi offerti. Tocca sola a te cimentarti nella scrittura, basta farlo con criterio per ottenere dei prodotti di alta qualità.

Pin It

Potrebbe interessarti anche...

Guida all'utilizzo di Copyscape

La prima grande tentazione scolastica che è allo stesso tempo il risultato peggiore che si prende a scuola – oltre alla figuraccia di essere stati scoperti – è quella di copiare il compito del compagno di banco: per svogliatezza, mancanza di idee o creatività può capitare di “copiare” nella vita, salvo poi essere “puniti” per questa appropriazione, plagio o scopiazzatura indebiti, una volta scoperti.

Leggi tutto...

Come scrivere una buona meta description

La meta description è l’anteprima di testo o sintesi che viene visualizzata sotto ogni risultato di ricerca e che riassume il contenuto di una pagina web. Se la meta description è rilevante e coerente con il contenuto della pagina, i motori di ricerca la mostrano, se invece non è presente o non è stata creata in fase di editing, i motori di ricerca ne creano una “dinamica” solitamente prendendo le prime righe del contenuto della pagina web di riferimento.

Leggi tutto...

Guida 2019 a Google AdWords

adwords.jpeg

Il web ha rivoluzionato molti aspetti della vita umana, dalla comunicazione ai rapporti sociali, dagli stili di vita al modo di fare commercio e industria; ciò che non ha modificato – se non nelle sue forme espressive – è il potere della pubblicità, la capacità di distinguersi nel mare di prodotti, servizi e offerte attraverso un’efficace campagna di marketing.

Leggi tutto...

Contatti

Sede: Via Luigi Gadola 3, 00155 Roma
Email: info@elamedia.it
Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure.  

Scrivici

  

L’interessato autorizza al trattamento dei propri dati personali (Informativa Privacy ex art. 13 Reg. (UE) 2016/679; clicca qui per sapere come gestiamo Privacy e Cookie) per le seguenti finalità:

       Via Luigi Gadola 3
00155 Roma

Email: info@elamedia.it

Partita IVA: 12238581008 

Per conoscerci meglio scarica la nostra Brochure


In alternativa puoi utilizzare il form che trovi 
in Home per comunicare con la nostra Web Agency 

GDPR e Cookie Privacy. Questo sito utilizza solo Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento). La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies verrà interpretata come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal sito stesso.