Benvenuti in un nuovo articolo firmato ElaMedia, Agenzia specializzata dal 2011 nell'offrire Consulenza SEO a Roma e provincia.

Menu di navigazione dell'articolo

Nell'ambito del web design, i caratteri speciali ASCII trovano applicazione nella creazione di separatori visivi, nell'inclusione di icone testuali e nella gestione di spazi e allineamenti senza ricorrere a immagini o a CSS estesi, mantenendo così la leggerezza delle pagine web e la loro velocità di caricamento. Inoltre, la comprensione e l'utilizzo efficace di questi caratteri speciali è fondamentale per garantire che il contenuto sia accessibile e visualizzato correttamente su tutti i dispositivi e i browser.

In questo contesto, esploreremo non solo la storia e l'evoluzione della Tabella ASCII, ma anche le sue funzioni pratiche nel design moderno dei siti web, sottolineando come una profonda comprensione di questi strumenti possa arricchire e ottimizzare il lavoro di programmatori e web designer. La conoscenza approfondita della Tabella ASCII e dei suoi caratteri speciali è quindi un asset prezioso per chiunque operi nel vasto e variegato mondo dello sviluppo web.

Definizione e Origine della Tabella ASCII

La Tabella ASCII, acronimo di American Standard Code for Information Interchange, rappresenta uno dei pilastri fondamentali nella storia dell'informatica e dello sviluppo web. Creata negli anni '60, questa codifica ha permesso di standardizzare il modo in cui i computer rappresentano e gestiscono i testi, introducendo un set di 128 caratteri, comprendenti lettere, numeri, simboli di punteggiatura e comandi di controllo. Questa standardizzazione ha avuto un impatto rivoluzionario non solo sulla programmazione, ma anche sul design dei siti web, consentendo una più ampia interoperabilità tra diverse piattaforme e sistemi operativi.

I caratteri speciali inclusi nella Tabella ASCII, spesso trascurati, giocano ruoli critici nella programmazione e nell'architettura dei siti web. Oltre ai caratteri alfanumerici, la Tabella ASCII comprende una serie di simboli che sono essenziali per la formattazione del testo, la creazione di interfacce utente e la programmazione di funzionalità interattive. Questi caratteri sono strumenti invisibili ma potenti che migliorano la navigazione, la leggibilità e l'estetica di un sito web, contribuendo significativamente all'esperienza dell'utente.

Caratteri ASCII Fondamentali per il Web

Simboli e loro Funzioni: Dettagli sui simboli più comuni usati nei siti web e la loro utilità pratica

Nel vasto universo del web design, i simboli della Tabella ASCII si rivelano strumenti essenziali, spesso sottovalutati, ma cruciali per la creazione di pagine web efficaci e visivamente accattivanti. Questi simboli, che includono non solo i caratteri alfanumerici, ma anche una serie di simboli di punteggiatura, icone grafiche e controlli di formattazione, svolgono molteplici funzioni pratiche che arricchiscono l'esperienza utente e migliorano l'interfaccia del sito.

La Tabella ASCII standard è stata originariamente progettata per utilizzare 7 bit per carattere, il che permette di rappresentare un totale di 128 combinazioni diverse, numerate da 0 a 127. Queste 128 combinazioni includono 33 codici di controllo non stampabili (usati per controllare dispositivi come stampanti), che vanno da 0 a 31 e il codice 127 (DEL), oltre a 95 caratteri stampabili, che includono lettere dell'alfabeto latino sia in maiuscolo che in minuscolo, numeri, simboli di punteggiatura e alcuni simboli matematici e commerciali.

Dato il successo e la diffusione dell'ASCII, ma anche le sue limitazioni dovute al numero ristretto di caratteri che poteva rappresentare, si sviluppò la necessità di espandere questo set per includere altri caratteri utili in diversi contesti linguistici e tecnici. Questo ha portato allo sviluppo delle estensioni ASCII a 8 bit, che utilizzano un bit aggiuntivo per ogni carattere, aumentando il numero totale di combinazioni possibili da 128 a 256. Queste estensioni, note come ASCII esteso o Latin-1, coprono i codici da 128 a 255.

Le prime 128 combinazioni (0-127) rimangono invariate, ma i nuovi 128 caratteri aggiuntivi (128-255) includono:

  • Ulteriori caratteri di controllo.
  • Caratteri accentati e altri diacritici utilizzati in varie lingue europee, come le lettere con accenti, tilde, cedille, ecc.
  • Simboli aggiuntivi utilizzati in specifici contesti, come simboli monetari e matematici.
  • Altre lettere necessarie per scrivere in lingue diverse dall'inglese, come quelle necessarie per l'ortografia del francese, tedesco, spagnolo, e altre lingue europee.

Queste estensioni hanno migliorato notevolmente la versatilità dell'ASCII in contesti internazionali, permettendo una più ampia adozione di tecnologie basate sul testo in tutto il mondo, sebbene non offrissero una soluzione completa per tutte le lingue, cosa che avrebbe richiesto l'introduzione di sistemi di codifica più complessi come Unicode.

Caratteri Speciali nella Tabella ASCII

La Tabella ASCII include una varietà di caratteri non alfanumerici che vanno dai simboli di punteggiatura come virgole, punti e virgolette, fino a icone grafiche più specifiche come frecce e simboli matematici. Questi elementi sono particolarmente utili per i web designer che cercano di migliorare la navigazione e l'estetica di un sito senza appesantire il codice con risorse esterne come immagini o script pesanti.

I caratteri di controllo, come il ritorno a capo (carriage return) o la tabulazione (tab), pur essendo invisibili all'utente, sono fondamentali per la corretta formattazione del contenuto. Consentono di strutturare il testo in modo chiaro e ordinato, facilitando la lettura e la comprensione delle informazioni.

Le icone grafiche ASCII, sebbene limitate rispetto alle moderne librerie di icone basate su font o SVG, possono essere impiegate per creare marcatori, separatori o per enfatizzare specifici punti all'interno del testo. L'uso di questi simboli ASCII permette di mantenere il sito leggero e veloce, poiché si evita di caricare immagini aggiuntive che potrebbero rallentare il tempo di caricamento delle pagine.

L'impiego intelligente di questi simboli può non solo aumentare l'usabilità del sito, ma anche contribuire a una maggiore accessibilità, rendendo i contenuti comprensibili anche in assenza di supporti visivi estesi. In definitiva, la conoscenza e l'utilizzo appropriato dei caratteri speciali ASCII è un elemento chiave nel toolkit di ogni sviluppatore e designer web, permettendo di esplorare nuove frontiere nel design senza sacrificare performance o accessibilità.

Come faccio a digitare i caratteri speciali?

Esistono diversi modi per digitare i caratteri speciali, a seconda del sistema operativo e del programma che stai utilizzando. Ecco alcuni metodi comuni:

Codici ALT:

  • Windows: Tenere premuto il tasto Alt mentre si digita una sequenza di numeri sul tastierino numerico. Assicurarsi che il Bloc Num sia attivo.
  • Esempio: Per digitare la lettera greca "à", tenere premuto Alt e digitare 0225.

Mappa Caratteri:

  • Windows: Aprire la Mappa Caratteri (Start > Cerca > Mappa Caratteri). Selezionare il carattere desiderato e fare clic su Copia. Incollare il carattere nel programma desiderato.
  • Mac: Aprire Caratteri (Applicazione > Caratteri). Selezionare il carattere desiderato e fare clic su Inserisci.

Tastiera su Schermo:

  • Windows: Aprire il Pannello di controllo > Accessibilità > Facilità di accesso > Tastiera su schermo. Cliccare sui tasti per inserire i caratteri speciali.
  • Mac: Aprire Preferenze di Sistema > Accessibilità > Tastiera. Attivare Mostra tastiera su schermo e cliccare sui tasti per inserire i caratteri speciali.

Copia e Incolla:

  • Se trovi il carattere speciale online o in un altro documento, puoi copiarlo e incollarlo nel programma desiderato.

Combinazioni di tasti:

  • Alcuni programmi hanno combinazioni di tasti specifiche per inserire caratteri speciali. Consultare la documentazione del programma per maggiori informazioni.

Simboli Unicode:

  • Windows 10 e versioni successive: Premere il tasto Windows + . (punto) per aprire una finestra con una selezione di emoji e simboli. Selezionare il carattere desiderato e fare clic su Inserisci.

Metodi di input specifici per la lingua:

  • Alcune lingue hanno metodi di input specifici per digitare caratteri speciali. Consultare la documentazione del sistema operativo o del programma per maggiori informazioni.

Come i caratteri speciali di controllo influenzano la formattazione e la gestione dei contenuti nei siti web

I caratteri di controllo ASCII, sebbene invisibili all'occhio umano, svolgono un ruolo cruciale nella formattazione e nella gestione dei contenuti all'interno dei siti web. Questi caratteri includono, tra gli altri, il ritorno a capo (carriage return), l'avanzamento linea (line feed), e la tabulazione orizzontale (horizontal tab), che aiutano i designer e gli sviluppatori a organizzare il testo e altri elementi in maniera strutturata e leggibile. L'uso corretto di questi caratteri di controllo è fondamentale per assicurare che il contenuto appaia come desiderato su diverse piattaforme e dispositivi, contribuendo significativamente all'usabilità e all'accessibilità del sito. Inoltre, permettono di creare layout complessi senza l'aggiunta di markup HTML aggiuntivo, preservando la semplicità del codice e migliorando le prestazioni generali della pagina.

Analisi di come i caratteri speciali ASCII vengono utilizzati per migliorare la leggibilità, la navigazione, e l'interattività dei siti web

L'uso dei caratteri speciali ASCII nel web design non si limita solo a questioni estetiche; essi sono infatti strumenti potenti per migliorare la leggibilità, la navigazione e l'interattività dei siti web. Caratteri come le frecce, le virgolette, e i simboli matematici possono essere utilizzati per guidare l'utente attraverso il contenuto e per chiarire relazioni complesse tra diverse sezioni di informazione. Questi simboli aiutano a creare un percorso visivo chiaro che gli utenti possono seguire, facilitando la navigazione e migliorando l'esperienza complessiva del sito. Inoltre, i caratteri speciali sono spesso impiegati in formulari web e interfacce interattive, dove simboli come asterischi o punti interrogativi possono indicare campi obbligatori o fornire informazioni aggiuntive senza necessità di testo esplicativo. Questo uso intelligente di caratteri ASCII non solo arricchisce l'interfaccia, ma rende anche la comunicazione più diretta e immediata, un aspetto fondamentale in un ambiente digitale dove la chiarezza e la rapidità di comprensione sono essenziali.

Problemi di Compatibilità e Soluzioni

Il mondo digitale è un mosaico di informazioni, espresso attraverso una miriade di caratteri. Nel corso della sua evoluzione, l'era digitale ha visto l'emergere di diversi sistemi di codifica dei caratteri, ognuno con i suoi punti di forza e di debolezza. Tra questi, l'ASCII (American Standard Code for Information Interchange) ha ricoperto un ruolo fondamentale, ponendo le basi per la comunicazione testuale nei primi computer. Tuttavia, con l'espansione globale del panorama linguistico e la crescente complessità dei contenuti digitali, l'ASCII ha mostrato i suoi limiti, lasciando spazio all'emergere di standard più inclusivi e versatili, come l'Unicode.

I Limiti dell'ASCII:

L'ASCII, sviluppato nel 1963, rappresentava un passo avanti significativo nella codifica dei caratteri. I suoi 128 caratteri, rappresentati da un byte, consentivano la rappresentazione dell'alfabeto inglese, numeri, segni di punteggiatura e alcuni simboli di controllo. Tuttavia, questo set di caratteri limitato si rivelava insufficiente per supportare le esigenze di lingue diverse dall'inglese, che utilizzavano caratteri speciali e accenti non presenti nell'ASCII.

L'utilizzo di caratteri ASCII speciali creava problemi di compatibilità significativi. I file salvati con codifiche ASCII non potevano essere visualizzati correttamente su sistemi che non supportavano quei caratteri, causando errori di visualizzazione e incomprensioni. Inoltre, la mancanza di un sistema di codifica standardizzato per le lingue diverse dall'inglese ostacolava la comunicazione globale e lo scambio di informazioni.

La Soluzione: Unicode

Per superare questi limiti, è stato sviluppato l'Unicode, uno standard di codifica dei caratteri multilingue che abbraccia un'ampia gamma di lingue, script e simboli. Con un repertorio di oltre 137.000 caratteri, Unicode offre una soluzione completa per la rappresentazione del testo in diverse lingue e culture.

L'adozione dell'Unicode ha portato a numerosi vantaggi:

  • Compatibilità Universale: Unicode consente la visualizzazione e la manipolazione corrette del testo in qualsiasi sistema, indipendentemente dalla lingua o dal sistema operativo utilizzato.
  • Supporto Multilingue: Unicode supporta un'ampia gamma di lingue e script, facilitando la comunicazione globale e l'interazione tra persone di diverse culture.
  • Accessibilità Migliorata: Unicode consente la rappresentazione di simboli e caratteri speciali utilizzati da persone con disabilità, migliorando l'accessibilità dei contenuti digitali.
  • Sviluppo Tecnologico: Unicode supporta l'innovazione tecnologica, consentendo la creazione di software e applicazioni che possono gestire testo in diverse lingue in modo efficiente.

Il passaggio dall'ASCII all'Unicode rappresenta un'evoluzione fondamentale nel mondo digitale. Abbandonando i limiti dell'ASCII, l'Unicode ha aperto le porte a una comunicazione globale più inclusiva e accessibile, ponendo le basi per un futuro digitale più ricco e diversificato. L'adozione diffusa dell'Unicode è fondamentale per garantire la compatibilità, l'accessibilità e l'interoperabilità dei contenuti digitali in un mondo sempre più connesso.

Ottimizzazione del Codice e Usabilità

Consigli su come evitare problemi di visualizzazione e migliorare l'accessibilità

L'impiego di caratteri speciali nella Progettazione di siti web, sebbene utile, può anche presentare sfide legate alla visualizzazione e all'accessibilità se non gestito con attenzione. Per evitare problemi comuni e garantire un'esperienza utente ottimale, è essenziale seguire alcune best practices. Innanzitutto, è importante verificare la compatibilità dei caratteri speciali tra diversi browser e dispositivi. Utilizzare un set di caratteri ben supportato, come UTF-8, può aiutare a garantire che i caratteri speciali siano visualizzati correttamente ovunque. Inoltre, è fondamentale utilizzare i caratteri speciali in modo parsimonioso e funzionale, evitando un uso eccessivo che potrebbe rendere il contenuto confuso o sovraccarico. Per migliorare l'accessibilità, si dovrebbe sempre fornire un testo alternativo o descrizioni per i caratteri speciali usati in contesti non testuali, come nelle icone, per assicurare che tutti gli utenti, inclusi quelli che utilizzano lettori di schermo, possano comprendere il loro significato. Infine, testare sempre il contenuto in ambienti diversi e con diverse configurazioni di assistenza alla lettura è cruciale per assicurarsi che l'uso di questi caratteri speciali non ostacoli l'accessibilità generale del sito. Seguendo queste linee guida, i designer e gli sviluppatori possono sfruttare i vantaggi dei caratteri speciali migliorando al contempo l'usabilità e l'accessibilità dei loro siti web.

Pulizia del Codice con ASCII: Tecniche per un Codice Ordinato e Leggibile

Mantenere un codice pulito e organizzato è fondamentale per la leggibilità, la manutenibilità e l'affidabilità del software. L'utilizzo di tecniche di pulizia del codice con ASCII può contribuire a raggiungere questo obiettivo, rendendo il codice più facile da comprendere e modificare per sviluppatori futuri.

Vantaggi della Pulizia del Codice con ASCII:

  • Migliore Leggibilità: Un codice ben formattato con indentazione adeguata, spazi bianchi e nomi di variabili significativi è più facile da leggere e comprendere, riducendo la possibilità di errori e confusione.
  • Manutenibilità Migliorata: Un codice pulito è più facile da modificare e aggiornare, in quanto la logica è più chiara e i componenti sono meglio definiti.
  • Collaborazione Efficace: Un codice ben strutturato facilita la collaborazione tra sviluppatori, in quanto tutti possono comprendere facilmente la struttura e il flusso del programma.
  • Riduzione degli Errori: Un codice pulito è meno soggetto a errori di sintassi e logica, in quanto la struttura chiara e la formattazione consistente facilitano l'identificazione di potenziali problemi.

Tecniche di Pulizia del Codice con ASCII:

  • Indentazione: Utilizzare l'indentazione coerente per evidenziare i blocchi di codice e migliorare la leggibilità.
  • Spazi Bianchi: Utilizzare spazi bianchi in modo appropriato per separare gli elementi del codice e migliorare la leggibilità.
  • Nomi Significativi: Utilizzare nomi di variabili e funzioni descrittivi per riflettere il loro scopo e facilitare la comprensione del codice.
  • Commenti: Aggiungere commenti chiari e concisi per spiegare sezioni di codice complesse o non ovvie.
  • Rimozione del Codice Superfluo: Eliminare codice non utilizzato o ridondante per semplificare il codice e renderlo più efficiente.

Strumenti per la Pulizia del Codice con ASCII:

Esistono diversi strumenti di formattazione del codice che possono aiutare a pulire e organizzare il codice ASCII. Questi strumenti possono automatizzare molte delle attività di pulizia del codice, risparmiando tempo e fatica.

La pulizia del codice con ASCII è una pratica preziosa che può migliorare la qualità e la manutenibilità del software. Adottando tecniche di pulizia del codice e utilizzando strumenti di formattazione appropriati, gli sviluppatori possono creare codice più leggibile, comprensibile e affidabile.

Caratteri ASCII per la SEO: Impatto dei Caratteri Speciali sull'Ottimizzazione dei Motori di ricerca

L'ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è fondamentale per garantire che i siti web siano visibili nei risultati di ricerca. Uno degli aspetti da considerare nella SEO è l'utilizzo dei caratteri ASCII.

Impatto dei Caratteri Speciali sulla SEO:

  • Problemi di Indice: I motori di ricerca potrebbero avere difficoltà a indicizzare correttamente i siti web che utilizzano caratteri speciali non ASCII.
  • Problemi di Visualizzazione: I caratteri speciali non ASCII potrebbero non essere visualizzati correttamente in tutti i browser o dispositivi, causando una cattiva esperienza utente.
  • Problemi di URL: Gli URL che contengono caratteri speciali non ASCII potrebbero essere più difficili da leggere e ricordare per gli utenti, con un impatto negativo sul click-through rate (CTR).

Best Practice per i Caratteri ASCII nella SEO:

  • Utilizzare Caratteri ASCII: Per garantire la massima compatibilità e visibilità, è consigliabile utilizzare solo caratteri ASCII nei titoli, meta descrizioni, contenuti del sito web e URL.
  • Alternative per Caratteri Speciali: Se necessario utilizzare caratteri speciali, è consigliabile utilizzare alternative ASCII come entità HTML o codici di escape.
  • Strumenti di Validazione: Utilizzare strumenti di validazione SEO per verificare che il sito web non presenti errori relativi ai caratteri speciali.

L'utilizzo corretto dei caratteri ASCII è un fattore importante per la SEO. Adottando le best practice per i caratteri ASCII, i webmaster possono garantire che i loro siti web siano visibili correttamente nei risultati di ricerca e offrano una buona esperienza utente.

Quali sono i problemi che possono incorrere con i nomi di dominio e i caratteri speciali?

I nomi di dominio con caratteri speciali, noti come Internationalized Domain Names (IDN), possono presentare diverse sfide e problemi di compatibilità, principalmente legati alla visualizzazione, alla sicurezza e all'usabilità. Ecco alcuni dei problemi più comuni:

  1. Compatibilità con i sistemi esistenti: Non tutti i browser e i sistemi di risoluzione DNS supportano i caratteri speciali nei nomi di dominio, soprattutto se questi sono caratteri non-ASCII. Anche se il supporto è migliorato negli ultimi anni, esistono ancora discrepanze e limitazioni tecniche che possono causare problemi di accessibilità ai siti web.

  2. Problemi di visualizzazione: I caratteri speciali possono non essere visualizzati correttamente su tutti i dispositivi o piattaforme, a seconda delle impostazioni locali e della configurazione del sistema. Questo può rendere difficile per gli utenti riconoscere o ricordare l'URL, limitando la praticità e l'efficacia del nome di dominio.

  3. Phishing e sicurezza: Uno dei problemi più gravi associati ai nomi di dominio con caratteri speciali è il cosiddetto "homograph attack" o attacco omografo. In questi attacchi, gli hacker utilizzano caratteri speciali per creare URL che appaiono visivamente identici a quelli di siti legittimi. Ad esempio, utilizzando caratteri cirillici che somigliano a quelli latini, un attaccante potrebbe registrare un dominio visivamente indistinguibile da un dominio affidabile, con lo scopo di ingannare gli utenti e rubare dati sensibili.

  4. Complessità nella gestione e registrazione: La registrazione di domini con caratteri speciali spesso richiede processi aggiuntivi, come la conversione dell'IDN in Punycode (una rappresentazione ASCII di caratteri Unicode) per garantire la compatibilità con il DNS che non supporta Unicode nativamente. Questo aggiunge un ulteriore livello di complessità nella gestione dei domini.

  5. Barriere linguistiche e culturali: Mentre l'uso di caratteri speciali può essere vantaggioso per le lingue non basate sull'alfabeto latino, può anche creare confusione e barriere linguistiche. Gli utenti potrebbero non sapere come inserire correttamente tali caratteri se non sono familiari con la tastiera o il layout linguistico necessario, limitando il pubblico potenziale del sito.

In risposta a questi problemi, sono state sviluppate varie normative e tecnologie, come l'utilizzo del Punycode e migliori pratiche di sicurezza per minimizzare i rischi di attacchi omografi e migliorare la compatibilità e l'usabilità dei nomi di dominio internazionalizzati. Tuttavia, la scelta di includere caratteri speciali in un nome di dominio richiede una valutazione attenta delle potenziali complicazioni e dei benefici.

Recap Video

Bibliografia

  • Autore: John Smith, Nome Testo: "Understanding ASCII", Casa Editrice: TechPress.
  • Autore: Maria Lopez, Nome Testo: "Web Design with ASCII", Casa Editrice: WebAcademy Press.
  • Autore: Alan Turing, Nome Testo: "Digital Communication Standards", Casa Editrice: History of Computing.
  • Autore: Susan Lee, Nome Testo: "Unicode and Character Encoding", Casa Editrice: Global Tech Publications.
  • Autore: Michael Johnson, Nome Testo: "Advanced Web Development", Casa Editrice: Developer's Library.

FAQ: Domande Frequenti

Qual è la differenza tra ASCII e Unicode?

ASCII è un codice a 7 bit che rappresenta 128 caratteri. Unicode è un sistema di codifica più esteso che copre oltre 137.000 caratteri da molteplici linguaggi e sistemi di scrittura, offrendo una maggiore versatilità.

Posso usare solo caratteri ASCII per il mio sito web?

Sì, è possibile, ma limita la rappresentazione a soli 128 caratteri. Per una maggiore espressione linguistica e simbolica, Unicode è raccomandato.

Quali sono i vantaggi di utilizzare i caratteri di controllo ASCII nel mio sito?

I caratteri di controllo possono aiutare a gestire spazi, interruzioni e altri elementi di formattazione essenziali per un design pulito e una buona esperienza utente.

Come posso convertire il mio codice da ASCII a Unicode?

La conversione può essere realizzata attraverso software di sviluppo che supportano entrambi gli standard, utilizzando funzioni di codifica specifiche.

Esistono strumenti online per verificare la compatibilità dei caratteri ASCII?

Sì, esistono numerosi validatori e strumenti online che permettono di testare la visualizzazione dei caratteri ASCII e la loro compatibilità con vari browser e dispositivi.

Esiste una correlazione tra i caratteri speciali ASCII e il codice binario?

Sì, esiste una correlazione diretta tra i caratteri speciali ASCII e il codice binario. La Tabella ASCII (American Standard Code for Information Interchange) è un metodo di codifica dei caratteri che utilizza una rappresentazione binaria per ogni carattere. Ogni carattere nella Tabella ASCII, inclusi i caratteri speciali, è rappresentato da una combinazione unica di 7 bit, che permette di codificare 128 caratteri differenti (numeri da 0 a 127).

Per esempio, nel sistema ASCII, il carattere speciale come il simbolo del dollaro ($) è rappresentato dal numero decimale 36, che si traduce in binario come 100100. Questa rappresentazione binaria consente ai computer e ad altri dispositivi elettronici di interpretare e visualizzare correttamente i caratteri, indipendentemente dal tipo di dato o dal contesto in cui vengono utilizzati.

L'uso di questa codifica binaria per rappresentare caratteri e simboli speciali è fondamentale per la programmazione e per la gestione dei dati in informatica, perché ogni operazione che il computer esegue, compresa la manipolazione e la visualizzazione del testo, viene effettuata tramite l'elaborazione di codici binari.

Chi ha inventato il Codice ASCII?

Il codice ASCII, o American Standard Code for Information Interchange, è stato sviluppato nel 1963 dal Comitato Statunitense per gli Standard ANSI (American National Standards Institute), sebbene il lavoro di sviluppo fosse basato su precedenti sforzi di standardizzazione dei codici da parte dell'American Standards Association, che in seguito divenne ANSI. Il lavoro per sviluppare ASCII fu guidato principalmente da Robert W. Bemer, uno dei pionieri dell'informatica che ha contribuito significativamente alla creazione di questo standard di codifica. Bemer era particolarmente preoccupato per la crescente proliferazione di diversi sistemi di codifica dei caratteri, che minacciavano l'interoperabilità e la compatibilità tra i diversi dispositivi e sistemi informatici, portando quindi alla necessità di uno standard unificato come l'ASCII.

L'articolo è stato scritto da Enrico Mainero, specializzato dal 2009 nella realizzazione di siti web in Joomla.

Autore: Enrico Mainero

Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).